Spaghetti alla mediterranea Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Oggi, per la rubrica Il Gusto che Stuzzica, vi presentiamo la ricetta degli Spaghetti alla mediterranea.

INGREDIENTI:

  • spaghetti, 350 gr
  • melanzane, 4
  • carciofi lessi, 400 gr
  • olive nere snocciolate, 120 gr
  • concentrato di pomodoro, 2 cucchiai
  • passata di pomodoro, 600 ml
  • olio EVO del Cilento, 3 cucchiai
  • succo di limone, 1 cucchiaio
  • burro, 1 cucchiaino
  • prezzemolo, 1 rametto
  • basilico, 3 foglie
  • aglio, 2 spicchi
  • cipolla, 1
  • zucchero, 2 cucchiai
  • sale
  • pepe

PREPARAZIONE

Far soffriggere nell’olio bollente la cipolla, dopo averla tritata, e l’aglio. Quando saranno dorati, aggiungere le melanzane, facendo soffriggere per qualche minuto. Poi aggiungere la passata e il concentrato di pomodoro, lo zucchero, un pizzico di sale e un pizzico di pepe.

Al sugo aggiungere il prezzemolo, le olive, i carciofi e il succo di limone, mescolando e lasciando cuocere fino a quando non sarà denso al punto giusto. Mettete e bollire abbondante acqua salata e poi calate gli spaghetti, che andranno scolati al dente. Alla pasta aggiungere il burro e, infine, la salsa mediterranea preparata. Guarnire con una foglia di basilico e servire.

 

 

»

Leggi anche

Perdifumo. Perseguita ex: divieto di avvicinamento e braccialetto elettronico

Perdifumo. Perseguita l’ex compagna: scatta il divieto di avvicinamento con l’applicazione del braccialetto elettronico. 

Salerno, in Prefettura firmato patto per prevenire il disagio giovanile

Salerno. Ieri, presso il Salone Azzurro del Palazzo del Governo, è stato sottoscritto il Patto per prevenire e contrastare il [&hellip

Ladri acrobati in azione a Battipaglia: furto in via Serroni

Battipaglia. Si arrampicano  sui tubi e condizionatori della parete esterna di un palazzo e mettono a segno un furto.  Sono […

M5S, Cammarano: “Dalla Campania in tanti a Roma per difendere il Sud”

Roma. “Oggi siamo a Roma per opporci al clima di intimidazione che si respira nelle istituzioni, per dire no all’autonomia