A Napoli negozianti e clienti per il flash mob “della mutanda” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Negozianti, commesse ma anche tanti clienti solidali. Uniti goliardicamente in un flash mob della mutanda, sebbene di fondo ci sia la disperazione di chi, con i negozi chiusi da novembre, faticano ad arrivare a fine mese.

In circa 150, quasi tutte donne (gli uomini si contavano sulle dita di una mano) hanno dato vita a un flash mob nelle vie dello shopping di Chiaia, a Napoli. La mutanda scelta come simbolo della protesta a sottolineare la disparità nelle chiusure tra categorie merceologiche per cui chi vende intimo puo’ stare aperto e chi invece commercia in magliette no.

All’iniziativa promossa da Confcommercio Napoli, Federmoda e Chiaia District con una catena umana di persone che stringevano uno slip tra le mani, hanno aderito i rappresentanti delle categorie penalizzate dalle chiusure (abbigliamento, gioielli e calzature). “Perchè le mutande non fanno venire il Covid, mentre vestiti, scarpe e gioielli sì” lo slogan più in voga tra i manifestanti che hanno chiesto di riaprire al più presto. (Ansa)

»

Leggi anche

Battipaglia, giù ex scuola Fiorentino: sorgerà una piazza

Battipaglia. Sono iniziate le operazioni di abbattimento dei padiglioni di via De Gasperi della scuola media “Fiorentino”.

Capaccio. Ex Cirio diventerà polo culturale: progetto da 14 milioni

La fabbrica dell’ex Cirio, a Capaccio Paestum, da area degradata diverrà una nuova location culturale per raccontare la storia. È [

Elezioni, ecco candidati PD a Salerno e provincia

Salerno. Il Partito Democratico ha reso noto le candidature per le elezioni politiche del prossimo 25 settembre. A Salerno e […]

Webp.net-gifmaker