Covid, dal 31 marzo via le mascherine anche al chiuso Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Come annunciato nei giorni precedenti, l’obbligo di portare le mascherine all’aperto sarà tolto a partire da venerdì 11 febbraio (con l’obbligo di averle con sé per le occasioni di assembramento). E dal 31 marzo, salvo cambiamenti nel trend della curva epidemiologica, potranno essere tolte anche nei luoghi chiusi.
Lo prevede il testo dell’ordinanza firmata l’8 febbraio dal ministro della Salute Roberto Speranza: fino al 31 marzo 2022, si legge, «è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private» e «nei luoghi all’aperto è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli laddove si configurino assembramenti o affollamenti».

L’ordinanza precisa che non hanno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie: i bambini di età inferiore ai sei anni; le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché le persone che devono comunicare con un disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo; i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva. Sono fatti salvi, in ogni caso, i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico. Si precisa inoltre che «l’uso del dispositivo di protezione delle vie respiratorie integra e non sostituisce le altre misure di protezione dal contagio».

Se le cifre dei contagi e dei ricoveri continuano a calare, sono previste nuove aperture. Già dal 1 marzo negli impianti sportivi all’aperto si potrà occupare il 75% dei posti e al chiuso il 60%. Se la situazione migliora, si è specificato nella nota del ministero della Salute è specificato che si dovrà «proseguire con le riaperture complete qualora la situazione epidemiologica continuasse il suo trend di calo».

»

Leggi anche

Battipaglia, giù ex scuola Fiorentino: sorgerà una piazza

Battipaglia. Sono iniziate le operazioni di abbattimento dei padiglioni di via De Gasperi della scuola media “Fiorentino”.

Capaccio. Ex Cirio diventerà polo culturale: progetto da 14 milioni

La fabbrica dell’ex Cirio, a Capaccio Paestum, da area degradata diverrà una nuova location culturale per raccontare la storia. È [

Elezioni, ecco candidati PD a Salerno e provincia

Salerno. Il Partito Democratico ha reso noto le candidature per le elezioni politiche del prossimo 25 settembre. A Salerno e […]

Webp.net-gifmaker