Roscigno. Palmieri alla Provincia:” Sp342 non garantiamo più vigilanza” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

"Lasciare per oltre 10 anni in totale abbandono la nostra viabilità provinciale è la dimostrazione vergognosa dell' incapacità della Provincia"

 ” Non è possibile più garantire la vigilanza e il controllo del tratto stradale Sp 342 che collega Roscigno con il bivio di Corleto”. Queste le parole del sindaco di Roscigno Pino Palmieri che sulla problematica ha inviato una nota alla Provincia di Salerno. ”  In questi anni, grazie al sostegno economico della Bcc Monte Pruno, siamo riusciti a riaprire il tratto stradale, permettendo anche alle linee di trasporto pubblico ed al trasporto scolastico di poter ripristinare dei servizi di interesse generale. Il totale disinteresse della Provincia di Salerno – afferma Palmieri –  sulla nostra arteria stradale, ci consegna un inizio di anno scolastico all’insegna dell’ennesima chiusura, che andrà a penalizzare e mortificare, per l’ennesima volta, il nostro territorio. Sono 12 lunghi anni che Roscigno lotta contro le chiusure stradali delle strade provinciali, utilizzate giornalmente per raggiungere il posto di lavoro ed i servizi essenziali. Mentre noi viviamo nel continuo abbandono, il Presidente della Provincia continua ad auto celebrare le grandi opere del suo mandato. Lasciare per oltre un decennio in totale abbandono la nostra viabilità provinciale è una dimostrazione vergognosa dell’ incapacità gestionale dell’ente provincia, puntualmente occultata dalla disponibilità di molti colleghi sindaci. Per l’ennesima volta sarò costretto a spettecolarizzare il nostro stato di grande disagio per chiedere il rispetto dovuto al nostro territorio ed ai tanti cittadini che continuano a vivere in un contesto oramai impossibile per sviluppare ogni forma di iniziativa occupazionale e di vita”. 

»

Leggi anche

Eboli, scontro furgone-moto: in ospedale 27enne di Albanella

Eboli. Incidente stradale lungo la Sp30: a scontrarsi sono stati una motocicletta e un furgone. Il centauro ha avuto la […]

Tre medici per guardia medica Camerota: “Primi in Regione”

Camerota. «Siamo veramente orgogliosi del nostro progetto pilota. Al nostro insediamento la guardia medica aveva gran parte dei turni

Camerota/Centola: accampamenti abusivi, rimosse 50 tende

Camerota/Centola. Blitz congiunto guidato dei carabinieri della stazione di Camerota e di Centola, dalla guardia costiera dell’uffici

Webp.net-gifmaker