Piana del Sele, comparto serre saturo e nitrati oltre i limiti per gli allevamenti Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Eboli, Altavilla Silentina, Albanella e Capaccio oltre i limiti direttiva europea sui nitrati per gli allevamenti bufalini

Litorali inquinati, fiumi avvelenati come pure le falde acquifere locali compromesse con un territorio in parte coperto da serre per la IV gamma (insalatine e rucola) e per l’altro dal mais per dar da mangiare alle bufale.

Le stime dicono che tra Eboli, Battipaglia e Pontecagnano il comparto “serre” sia già saturo al 70%. Invece verso Eboli, Altavilla Silentina, Albanella e Capaccio siano ben oltre i limiti della direttiva europea sui nitrati per quanto riguarda gli allevamenti bufalini.

I numeri sono da record

Le quasi 20mila bufale di Altavilla sono inferiori solo alle 33mila di Capaccio. I fatturati sono in crescita: più del quindici per cento l’anno, oltre trecento milioni di fatturato solo per la IV gamma. Poca la terra. Meno di seimila ettari coltivati. Oltre tremila dei quali sotto serra. Poi qui c’è oltre il trenta per cento degli allevamenti campani, del latte e della mozzarella. Il prodotto vale qualcosa come 1,2 miliardi di euro di fatturato. Un vero e proprio boom tutto concentrato negli ultimi 25 anni. se si pensa che in Campania siamo passati da 115 mila a 494 mila tonnellate di mozzarella, con crescita annua del sei per cento. L’economia tira ma a fronte di un costo ambientale complessivo assai pesante. In 11 comuni della Piana del Sele si registra un livello di vulnerabilità da nitrati dei terreni agricoli con conseguente compromissione delle coltivazioni. La conseguenza è quella di andare a cadere sotto i limiti alla produzione stabiliti in sede europea con conseguente blocco sia delle produzioni serricole che degli allevamenti bufalini. I comuni interessati sono 11.

 Bellizzi detiene il triste primato con il 100% del suolo interessato da inquinamento da nitrati, segue Pontecagnano con il 96%, Battipaglia con l’87%, Eboli 85%, Capaccio Paestum 72%, Serre 71%, Altavilla Silentina 53%, Albanella 49%, Montecorvino Pugliano 39%, Montecorvino Rovella 26%, Campagna 16%. Tale classificazione scaturisce dalla verifica della concentrazione dei nitrati nelle acque dolci e lo stato trofico delle acque dolci superficiali (periodo 2012 – 2015) e delle acque di transizione e delle acque marinocostiere. L’inquinamento da nitrati è l’ennesimo caso in cui il profitto prevale ancora sul futuro. Molteplici i fattori che determinano tale condizione: l’eccessiva fertilizzazione per garantire i raccolti elevati di cereali ed ortaggi (questi ultimi spesso coltivati in serra); lo spandimento sul terreno dei liquami derivanti dai grandi allevamenti zootecnici; le pratiche agricole pericolose, come quella di lasciare il suolo spoglio di vegetazione dopo che è stato trattato con i fertilizzanti: il dilavamento del suolo da parte delle acque meteoriche incrementa l’infiltrazione dei nitrati fissati alle particelle di suolo. Tale meccanismo provoca la contaminazione delle acque sotterranee  successivamente della qualità delle acque di balneazione.

 Con l’attuale piano di zonizzazione regionale attualmente in vigore, che delimita e circoscrive le aree in cui sversare i reflui zootecnici, gli allevatori della Piana del Sele si troveranno al cospetto di una drammatica scelta: individuare una nuova area nella quale trasferire i loro capi di allevamento oppure abbatterne almeno la metà. Nell’uno o nell’altro caso, le conseguenze saranno devastanti. (Articolo Cronache di Salerno)

»

Leggi anche

Svincolo Contursi, Fratelli d’Italia: “Lavori fermi da mesi”

Contursi Terme. Continua la campagna di attenzione al territorio del coordinatore provinciale Giuseppe Fabbricatore, insieme al gruppo

Agropoli, ladri in villetta a Trentova: portati via persino i mobili

Agropoli. Furto in una villetta di Trentova. I malviventi si presuppone abbiano agito col favore della notte, riuscendo a penetrare [&h

Roccadaspide, messa in sicurezza strada comunale Doglie-Menichini-Terzerie

Roccadaspide. Messa in sicurezza della strada comunale Doglie-Menichini-Terzerie, che si collega alla Sp 11b: il Comune approva il prog

Capaccio, raccolta solidale uova di Pasqua per i più piccoli

Capaccio Paestum. Raccolta solidale per regalare un sorriso ai più piccoli in occasione della Pasqua. Per partecipare basta lasciare i