Cilento. Gdf esegue sequestro per oltre 3mln: 3 indagati Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Ritenuti responsabili dei reati di riciclaggio, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di valori

Nella giornata di ieri, su disposizione di questa Procura della Repubblica, la Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca per equivalente, nei confronti di 3 persone  ritenute responsabili dei reati di riciclaggio, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di valori.

Le indagini avviate nel 2021 per operazioni sospette 

L’intervento dei Finanzieri della Compagnia di Vallo della Lucania è scaturito, in particolare, dagli esiti di indagini pregresse, avviate nell’anno 2021, sulla base di alcune segnalazioni di operazioni sospette, inerenti al rilevamento di movimentazioni anomale di capitali da parte di uno degli indagati, un imprenditore cilentano, a carico del quale gravava un debito con il Fisco di oltre un milione di euro.

Nel corso degli approfondimenti, i militari hanno successivamente scoperto una serie di operazioni bancarie e di altre condotte fraudolente realizzate dall’uomo che, con l’aiuto di due familiari, avrebbe effettuato numerosi trasferimenti di denaro (a mezzo assegni, bonifici, ricariche di carte prepagate, depositi di contanti provenienti dallo smobilizzo di titoli), finalizzati a “svuotare” i propri conti correnti, in modo da scongiurare o comunque ostacolare eventuali azioni di recupero crediti da parte dell’Erario.

Dall’analisi dei rapporti finanziari riconducibili all’imprenditore, le Fiamme Gialle hanno peraltro appurato che era prassi consolidata l’emissione da parte della coniuge, al medesimo scopo, di assegni circolari per decine o addirittura centinaia di migliaia di euro, risultati poi non essere stati mai incassati dai beneficiari. Ciò, con l’istantaneo effetto di “svuotare” apparentemente le disponibilità del correntista, che di fatto venivano invece “congelate” e preservate, appunto, da potenziali provvedimenti di riscossione coattiva.

Per garantire il recupero delle somme indebitamente percepite, il G.I.P. del Tribunale alla sede, su richiesta di questa Procura, ha quindi disposto nei confronti degli indagati il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca diretta e/o per equivalente, di beni mobili, immobili e risorse finanziarie, per un ammontare complessivo di oltre tre milioni di euro.

 

»

Leggi anche

Cava. Oggi autopsia su 32enne Fabrizio Gaudioso: aperta inchiesta

Cava de’ Tirreni. E’ stata effettuata quest’oggi,  presso l’ospedale di Mercato San Severino (Salerno), l’autopsia sulla

Battipaglia. Sportello informativo dell’Asis al Comune

Battipaglia. L’Asis aprirà uno sportello informativo al Municipio. Grazie all’importante e decisivo intervento politico d

Salerno. Tentato furto e utilizzo carta rubata : 2 arresti

Nell’ambito dell’attività di prevenzione generale e controllo del territorio, in data 29 gennaio  personale di polizia gi