Capaccio. Rapina lungomare: arrestati uno straniero e un italiano Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Vittime due donne di Capaccio e Albanella, quest'ultima è rimasta ferita

Capaccio Paestum. In manette gli autori della rapina ai danni di due donne, avvenuta nella mattinata di ieri sul lungomare.  Si tratta di due ventenni, uno di origini italiane e residente a Capaccio Paestum e l’altro di origini marocchine. Il primo è finito ai domiciliari,  il secondo è stato tratto in arresto e trasferito nel carcere a Fuorni. 

Le ricerche sono scattate nell’immediato: le due donne stavano passeggiando sul lungomare, intorno alle 8.30, quando sono state minacciate con un coltello e rapinate. Una delle due ha anche riportato una ferita da taglio a un dito e per lei è stato necessario il trasporto presso il pronto soccorso dell’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Ad aggredirle è stato il cittadino straniero, che subito dopo la rapina si è dileguato facendo perdere le sue tracce. Una delle due donne, P.I. di 48 anni, è di Albanella. Si era recata a Paestum per fare una passeggiata in riva al mare con un’amica. All’improvviso, giunte  all’altezza del lido Conchiglia, una parte del litorale non ancora interessato dai lavori di riqualificazione, sono state avvicinate da un cittadino extracomunitario. L’uomo impugnando un coltello le ha minacciate intimando loro  di consegnargli gli oggetti di valore e i soldi. La 48enne albanellese ha cercato di reagire. Ha raccolto un bastone a terra per cercare di difendersi. La speranza era che lo straniero si allontanasse,  ma è stata  ferita ad un dito con il coltello e ha riportato anche un trauma al polso.

Il marocchino è riuscito a prelevare le borse con telefoni, chiavi della macchina e oggetti di valore contenuti all’interno. La macchina, per fortuna, era parcheggiata a distanza, in prossimità dello stabilimento balneare Nettuno. Il malvivente non è riuscito a individuare dove era stata  parcheggiata.  A soccorrere le due donne sono stati alcuni passanti. È stata contattata la centrale operativa del 118, che ha inviato sul posto un’ambulanza e la donna ferita è stata accompagnata  in ospedale al “San Luca”. Per l’amica non è stato necessario il trasporto in ospedale, non avendo subito lesioni.  A seguito dell’episodio è stata presentata una denuncia presso la caserma dei carabinieri.

Non è possibile – afferma un familiare della 48enne di Albanella – che accadano simili episodi. Non si ha nemmeno più la libertà di passeggiare sul lungomare,  che si rischia di essere accoltellati. Solo un caso ha voluto che la situazione non degenerasse ulteriormente. Come è possibile che accadano simili episodi in una città turistica come Capaccio Paestum? Chiediamo più sicurezza e controlli più costanti e periodici a tutela dei cittadini“.  Le indagini dei militari, agli ordini del capitano Fabiola Garello, si sono subito avviate, portando all’arresto, poche ore dopo, dei due soggetti. Recuperata anche parte della refurtiva. In corso accertamenti per verificare la responsabilità anche nei confronti di altri fatti simili, accaduti nella medesima zona. 

 

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

nuovo-banner-mec

banner_papera_220x180

Leggi anche

Sentiero degli Dei: studentessa17enne colta da malore

Nel primo pomeriggio di oggi il Soccorso Alpino e Speleologico della Campania è stato allertato dalla centrale operativa 118 di [&hell

Eboli. Pd:”Impianto rifiuti: gestione fallimentare targata Conte”

Eboli. “Impianto di rifiuti nell’area PIP: l’ennesima gestione fallimentare targata Conte”, a sostenerlo il gruppo cons

Camerota, compare ‘M’ gigante sulla spiaggia

Camerota.  S’infittisce il chiacchiericcio tra le stradine del borgo turistico cilentano. Questa mattina i residenti si sono accorti

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2