Capaccio. Nella notte collocato ordigno davanti negozio di fiori Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Sono in corso le indagini dei carabinieri per individuare l'autore dell'attentato

Capaccio Paestum. Sono in corso le indagini dei carabinieri per individuare l’autore dell’attentato messo a segno stanotte ai danni di una attività commerciale. Un ordigno è stato collocato davanti un negozio di fiori.

Stando ad una prima ricostruzione dei fatti la deflagrazione è avvenuto poco dopo l’una della notte scorsa.  Lo scoppio ha causato danneggiamenti alla saracinesca, all’insegna  e all’ingresso  dell’attività situata lungo Viale della Repubblica. Le indagini sono condotte dai militari della locale caserma unitamente ai carabinieri della compagnia di Agropoli agli ordini del capitano Fabiola Garello.  Stamattina sul posto anche la Scientifica per i rilievi del caso.

L’attività è presente a Capaccio Paestum da molti anni precedentemente era localizzata  a Piazza Santini e da tempo si è trasferita in Viale della Repubblica. Le indagini al momento non escludono nessuna pista. Gli inquirenti ascolteranno i proprietari per acquisire ogni elemento utile per risalire al responsabile dell’attentato.

 

 

 

»

Leggi anche

Battipaglia. Tragedia nell’area industriale: muore un giovane

Battipaglia.  Ennesima tragedia della strada nella  zona industriale. A perdere la vita un giovane 23enne. Per cause in corso di [&he

Traffico rifiuti dalla Tunisia a Persano: arresti e sequestri

Salerno. Nelle  prime  ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, Ufficiali e  Agenti di Polizia

Rifiuti dalla Tunisia, Tommasetti: “Condotte gravissime, fare chiarezza”

Campania. “Molti aspetti da chiarire ma facciamo i complimenti alle forze dell’ordine per il lavoro svolto”. Così Aurelio Tommas

Eboli, ricorso al Tar spostamento mercato: “Pochi oppositori tengono la città sotto scacco”

Eboli. Ricorso al Tar contro lo spostamento temporaneo del mercato dal rione della Pace a via delle Olimpiadi: sulla vicenda […]