Campagna. 26 anni per avere risarcimento danni: all’epoca era un bambino Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Il giudizio al momento pende in Cassazione. Infortunio avvenuto nella mensa della scuola media

Campagna. 26 anni per riuscire ad ottenere il risarcimento danni per un infortunio avvenuto nella sala mensa della scuola media. Quello che all’epoca era solo un bambino oggi è un adulto. E, il risarcimento ( o quantomeno parte di esso)  ancora non è stato ottenuto. 

E’ l’incredibile storia accaduta nel febbraio del  2006. Un lunghissimo procedimento giudiziario che vede coinvolto il Comune,  al quale  va precisato non è stata riconosciuta nessuna responsabilità nell’accaduto sia in Primo Grado che in Appello.  Allo stato si è arrivati al ricorso in Cassazione presentato da una delle persone ritenute responsabili e condannata al risarcimento dei danni.

L’inizio del procedimento nel 2006 

Il procedimento davanti ai giudici inizia quando allo studente della scuola media fu servita in mensa una bottiglia contenente  solvente scambiata per acqua. All’epoca alla luce anche delle conseguenze per lo studente i genitori avviarono un’azione legale chiedendo un risarcimento di circa 60.000 nei confronti  del Comune, di chi gestiva la mensa e di chi materialmente aveva somministrato la bottiglia. 

Per quella vicenda sono stati riconosciuti alcuni responsabili condannati al risarcimento dei danni. Il Comune, diretto dal sindaco Roberto Monaco,  non è stato ritenuto responsabile. Uno dei condannati a pagare ha proceduto con un ulteriore ricorso in Cassazione per l’annullamento della  sentenza della Corte di Appello di Salerno che lo condannava al risarcimento dei danni. Pende attualmente il giudizio di Cassazione.  A quanto sembra l’altro operatore che prestava la sua attività nella mensa  avrebbe proceduto con il risarcimento danni.  

” Al Comune non è stata riconosciuta nessuna responsabilità nell’accaduto già dal primo Grado di Giudizio e poi in Appello  – spiega il vice sindaco e assessore agli affari legali avvocato, Maria Santoro – ma per un fatto procedurale l’ente comunale  si deve costituire in giudizio anche in Cassazione. Queste lungaggini procedurali  non hanno portato ad avere a chi ne ha diritto un risarcimento”. 

»

Leggi anche

Sicurezza Luci d’Artista: ecco tutte le azioni e i servizi messi in campo

Salerno. A conclusione della manifestazione d’arte luminosa “Luci d’Artista Salerno 2022-2033”, iniziata venerdì 2 dicembr

San Marzano Calcio conquista Coppa Italia Dilettanti

San Marzano sul Sarno. “A nome dell’amministrazione comunale, voglio rivolgere con grande entusiasmo i miei più sentiti co

Castellabate. Associazione Tommy 125 dona defibrillatore a Comune

Installato in maniera definitiva il defibrillatore donato dall’associazione Tommy 125 presso la Casa Comunale in Santa Maria. Un vali