[VIDEO] Altavilla. Emergenza cinghiali: devastata piantagione di mais Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

“ Sono costretto durante la notte a vigilare nel tentativo di salvare quel che è rimasto della mia piantagione"

Altavilla Silentina. Il territorio comunale da tempo ostaggio di branchi di cinghiali, che raggiungono le coltivazioni lasciando, al loro passaggio,  solo devastazione. Ormai i danni non si contano più. Lo sa bene Salvatore D.V. 65enne, che ha subito un’incursione nella sua piantagione di mais.

“ Sono costretto durante la notte – afferma il 65enne – a vigilare nel tentativo di salvare quel che è rimasto della mia piantagione di mais. Non si può andare avanti così. Chi di competenza trovi, una volta per tutte, una soluzione definitiva”. La piantagione di mais si trova a pochi passi dall’abitazione del 65enne, che ha recintato con del nastro il terreno nella speranza che gli ungulati non si avvicinino al fondo.  Per Altavilla Silentina, come purtroppo per tanti comuni del Cilento e della Piana del Sele,  si tratta di una vera emergenza. I residenti in più di un’occasione se  li ritrovano davanti alle abitazioni in pieno centro urbano. Nei mesi scorsi l’amministrazione comunale del sindaco Franco Cembalo,  ha interessato la Regione della problematica inviando una richiesta di intervento per il controllo della popolazione di ungulati sul territorio comunale. I cinghiali arrecano notevoli danni all’agricoltura e creano situazioni di pericolosità ai cittadini, in particolare, alla circolazione stradale. Vengono distrutte intere colture, compresi i vigneti. Una situazione che sta inducendo gli agricoltori a non coltivare e abbandonare  interi appezzamenti di terreno. Sono anche causa di sinistri stradali e rappresentano un  potenziale veicolo di gravi patologie trasmissibili alla zootecnia, quali la peste suina classica, la peste suina africana e la malattia di Aujesky. “Le segnalazioni che arrivano al Comune da parte degli agricoltori sono tantissime ma nulla è stato fatto – lamenta l’assessore comunale Antonio Marra –  e così la situazione continua a peggiorare e i danni, come la presenza dei cinghiali, continuano ad aumentare. Qualcuno ha anche proceduto con una denuncia contro la Regione”.  In tanti hanno deciso di rivolgersi a un avvocato per chiedere i risarcimenti dei danni provocati da questi animali che,  spesso,  si muovono in branco.   “Questo è solo l’ennesimo episodio, che si verifica  sul nostro territorio  – spiega l’avvocato Orietta  Lettieri – in più di un’occasione questi branchi spuntano all’improvviso dal nulla anche davanti alle autovetture. Come avvocato ho avviato delle azioni legali con richieste di risarcimento per i danni causati ai miei assistiti.  Non è facile recuperare i danni, spesso dobbiamo avviare dei contenziosi “. Poco tempo fa nella contrada Biserta un giovane tornando a casa trovò nel suo giardino un esemplare femmina, con otto cuccioli a seguito. Dopo il loro passaggio il giardino fu notevolmente danneggiato.

»

Leggi anche

Capaccio. Circolo Fratelli d’Italia ringrazia cittadini per consenso ricevuto

Il circolo cittadino di fratelli D’Italia esprime un sincero ringraziamento e una profonda gratitudine per la fiducia e la preferenza

Agropoli. Maltempo, chiuso tratto Sp84 verso Trentova

Il sindaco di Agropoli, Roberto Mutalipassi ha disposto con apposita ordinanza la chiusura del tratto della SP 184, che dal […]

Salerno. Un libro per commemorare il generale Dalla Chiesa

Il 27 settembre 2022, alle ore 10:30, presso l’aula magna del Convitto Nazionale “Torquato Tasso” di Salerno, il Magg. Antonio [&

Webp.net-gifmaker