Paestum, scavo anfiteatro: incarico per indagini Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Capaccio Paestum. Il progetto “Scavo spettacolare dell’anfiteatro romano e dismissione di un primo tratto dell’ex Statale 18″ entra nel vivo.

L’amministrazione del sindaco Franco Palumbo ha affidato l’incarico all’archeologo Francesco Scalza,  per la relazione di indagine archeologica a corredo del progetto preliminare assegnato all’Area IV, diretta da Rodolfo Sabelli. L’incarico prevede la ricognizione archeologica, a carattere intensivo e sistematico, per il reperimento di informazioni utili per la ricostruzione dei processi deposizionali attraverso il recupero di manufatti archeologici; acquisizione di dati sulla sequenza dei paesaggi storici individuabili nell’area e la raccolta di informazioni geoambientali; ricerca negli archivi della Soprintendenza archeologica della Campania ( Salerno e Paestum) ed eventualmente in quelli del comune di Capaccio per  acquisire le informazioni utili ad una contestualizzazione archeologica dell’area. Saranno analizzati gli esiti dei recenti scavi effettuati nei pressi dei parcheggi a est e sud delle mura di Paestum,  delle indagini svolte per il restauro dei tratti orientale e meridionale della cinta muraria, delle attività di ricognizione archeologiche lungo  Capodifiume e nella piana meridionale di Paestum,  degli scavi della area ex Cirio e di tutte le altre fonti relative a rinvenimenti più datati. Dovrà essere effettuato un inquadramento geoambientale per tentare di ricostruire lo sviluppo della stratigrafia nel sottosuolo e una ricognizione archeologica. Il progetto, già a finanziamento  per 5.133.840 euro (progettazione  657.146,10 euro),  riporterà alla luce l’intera struttura  interrata e coperta dall’ex strada Regia delle Calabrie, costruita da un ingegnere borbonico all’inizio del 1800,  che va da Porta Aurea a Porta Giustizia. L’obiettivo è restituire il monumento a una fruibilità completa, alla piena visione dei visitatori. I lavori partiranno nel 2018. Il primo intervento, dunque,  riguarda la dismissione di un primo tratto della sede stradale ex Ss18 che taglia l’area archeologica da nord a sud, e lo scavo per riportare alla luce la restante parte dell’anfiteatro romano, di cui è visibile solo la metà occidentale. Un’ ulteriore opera sarà il ripristino della via Chiesa, antico asse di collegamento tra il decumano via Porta Sirena e la Basilica paleocristiana, oggi in disuso. I lavori saranno resi  visibili attraverso visite condotte da persone specializzate. Le operazioni saranno visibili mediante strutture aggettanti ( una sorta di balconate) sullo scavo e la realizzazione di un percorso tangenziale alla parte orientale dell’anfiteatro mediante il quale collegare i due tratti di via Magna Graecia.

»

Leggi anche

“Albanella e le sue ricchezze”: la suggestiva mostra di Vincenzo Vairo

“Albanella e le sue ricchezze”: è questo il titolo della mostra fotografica,  che sarà possibile ammirare in occasione d

Albanella. Quercia finisce su cavi elettrici: intervengono vigli del fuoco

Albanella. Una grossa quercia finisce sui cavi elettrici e quelli della linea telefonica: intervento di urgenza dei vigili del fuoco [&

Ad Albanella escalation di furti: abitazioni prese di mira

Torna l’incubo furti sul territorio comunale di Albanella. La notte passata infatti, è stata all’insegna delle razzie port

Webp.net-gifmaker