Incendio Caggiano. Ai domiciliari guardia ambientale 56enne Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Incendio Caggiano. Fermata guardia ambientale 56enne. I carabinieri della compagnia di Sala Consilina, in collaborazione con i carabinieri Forestali di Polla, hanno eseguito un decreto di fermo del pubblico ministero, emesso dalla Procura della repubblica di Lagonegro, nei confronti di un 56 enne residente a Caggiano.
L’uomo, iscritto ad un’associazione di guardie ambientali, e’ ritenuto responsabile del grave incendio sviluppatosi lo scorso 14 agosto che ha interessato circa 50 ettari di terreno tra i comuni di Caggiano e Salvitelle. Le indagini, condotte in un primo momento dai carabinieri Forestali e poi ampliate in seguito dai militari del nucleo operativo dei carabinieri di Sala Consilina, su delega della Procura di Lagonegro, hanno consentito di raccogliere gravi indizi a carico del cittadino caggianese.
All’individuazione del piromane si e’ giunti grazie all’escussione di alcuni cittadini che, nell’immediatezza dei fatti, avevano fornito una descrizione del possibile autore del grave incendio. Era  stato visto transitare a bordo della propria autovettura, nelle immediate vicinanze del luogo dove era stato appiccato uno dei focolai. Il  successivo controllo, eseguito nei confronti dell’uomo, ha consentito di rinvenire all’interno del veicolo, alcune taniche vuote, residui di olii e carburanti, nonche’ strumenti idonei all’accensione del fuoco. Il quadro indiziario e’ stato reso ancora piu’ granitico negli ultimi giorni. La Procura della repubblica di Lagonegro ha incaricato i carabinieri della compagnia di Sala Consilina a svolgere ulteriori accertamenti. Il  sopralluogo effettuato dai militari ha consentito anche di ricostruire i movimenti dell’uomo e di individuare il luogo preciso dove e’ stato appiccato il fuoco. Circostanza quest’ultima confermata anche da un testimone che transitava proprio nei pressi in cui il piromane aveva fatto partire le prime fiamme. Il  gip del tribunale di Lagonegro ha ravvisato i gravi indizi a carico del 56 enne e ha disposto la misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

banner_papera_220x180

Leggi anche

Agropoli. Sale numero contagi covid: raggiunta quota 49

Agropoli. L’Asl-Dipartimento di Prevenzione ha comunicato di aver riscontrato nelle ultime 24 ore 24 nuovi casi di positività al

Buccino. Impianto aerobico trattamento rifiuti:Tar accoglie ricorso società

Il Tar di Salerno ha accolto il ricorso della società Buoneco, relativo all’istanza di autorizzazione paesaggistica per la realizzaz

Capaccio. Acquisto ex tabacchificio: Comune contrae mutuo fino al 2036

Capaccio Paestum. Acquisizione  e  recupero  dell’ex  tabacchificio   (Saim) in località Cafasso: l’amministrazione comu

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2