Capaccio. Francesco De Santi 33 anni ucciso con 4 coltellate Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Capaccio Paestum sotto choc per l’omicidio che ha visto vittima Francesco De Santi 33 anni. La tragedia si è consumata  alle prime ore di oggi davanti al bar cornetteria „Budda“ al culmine di una lite. Diversi i fendenti inflitti al 33enne. L’omicida ha poi confessato il delitto. Si tratta di un pregiudicato del posto Vincenzo Galdoporpora 25 anni. Francesco, il giovane figlio del proprietario di un parco giochi di Capaccio è spirato in pochi minuti. I soccorritori non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Le indagini sul caso sono affidate ai carabinieri di Capaccio e ai colleghi della compagnia di Agropoli. Galdoporpora è stato rinchiuso nelle camere di sicurezza della caserma di Capaccio Scalo a disposizione dell’autorità giudiziaria. La vicenda ha sconvolto l’intera comunità. Francesco era un ragazzo noto per la sua allegria e disponibilità con tutti. Aveva sempre la battuta pronta lavorava come pizzaiolo e amava moltissimo il suo lavoro. Sui social centinaia di commenti che lo ricordano e post di persone che non riescono a credere a quello che è successo. “Una simpatia unica“, lo ricorda Isolina, “Un ragazzo di cuore e sempre gentile“ scrive Rosanna.  Sconvolti i genitori per quanto accaduto e le sorelle increduli di fronte ad una morte assurda che ha visto vittima il proprio congiunto.

L’AGGRESSIONE UNA COLTELLATA POTREBBE ESSERE STATA FATALE 

Francesco è stato colpito da quattro coltellate, una nella parte anteriore all’emitorace sinistro, una laterale ed un’altra alla schiena. L’ipotesi è che una delle tre abbia raggiunto il polmone e potrebbe essere stata letale. La quarta lo ha preso ad un braccio, probabilmente, nel tentativo di difendersi, questa è più superficiale rispetto alle altre tre.

L’AUTOPSIA 

Molto probabilmente domani si terrà l’autopsia all’ospedale di Vallo della Lucania. Stamattina è stato eseguito sul posto la visita esterna dal medico legale incaricato dalla Procura di Salerno. L’esame autoptico stabilirà con certezza la causa del decesso.

IL LUOGO DEL DELITTO

IL LUOGO DEL DELITTO

»

Leggi anche

Postiglione. Incivili in azione: discarica vicino al fiume Calore

Postiglione. Ancora incivili in azione nelle aree demaniali in prossimità dei corsi d’acqua. L’ultima discarica è stata s

Sicignano degli Alburni. Bomba carta esplode davanti una casa

Paura l’altra notte  a Sicignano degli Alburni per l’esplosione di una piccola bomba carta a ridosso di un’abitazion

Camerota. Cade da muretto: morto dopo 2 giorni

Dramma a Camerota dove un muratore è morto dopo una brutta caduta. Il 48enne  originario della Romania, ma da tempo […]

Webp.net-gifmaker