Altavilla Silentina. Smaltimento illecito rifiuti pericolosi, due denunce Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Altavilla Silentina. Due uomini, residenti in loco, P.D.P. e G.P. rispettivamente 42 e 47 anni, sono stati denunciati per smaltimento illecito, abbandono e deposito incontrollato di rifiuti speciali e realizzazione abusiva di una discarica non autorizzata. Nel pomeriggio di ieri i militari delle stazioni carabinieri di Altavilla Silentina e Borgo Carillia, nell’ambito di un servizio coordinato finalizzato alla prevenzione e repressione di reati ambientali, individuavano all’interno di un locale terreno agricolo i due uomini intenti, con camion e pala meccanica, a sversare un ingente quantitativo di materiale sul terreno. E’ bastato poco per capire cosa stesse succedendo. Immediatamente sono scattati i controlli da parte dei carabinieri che hanno accertato l’attività illecita in atto, ovvero lo sversamento di fanghi misti di lavorazione e residui vegetali derivanti da industria conserviera che i soggetti stavano letteralmente spalmando sul nudo terreno. Giunti in rinforzo altri militari dal comando compagnia carabinieri di Eboli, sono stati ultimati tutti gli accertamenti del caso e si è proceduto al sequestro dell’intera area di circa 3000 mq ed i mezzi di lavoro utilizzati. Seguiranno nei prossimi giorni verifiche specifiche con personale specializzato al fine di quantificare l’entità del danno ambientale realizzato e le successive opere di bonifica dell’area.

»

Leggi anche

Albanella. Incidente in scooter: 43enne operata, è grave trasferita al Cardarelli

Albanella. E’ stato necessario un trasferimento di urgenza  al “Cardarelli” di Napoli  per Sara S. 43enne vittima i

Campagna, finanziati due progetti di innovazione digitale

Campagna. La Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per la trasformazione digitale) ha finanziato i primi due progetti di

[VIDEO] Altavilla. Emergenza cinghiali: devastata piantagione di mais

Altavilla Silentina. Il territorio comunale da tempo ostaggio di branchi di cinghiali, che raggiungono le coltivazioni lasciando, al lo

Webp.net-gifmaker