Maturità, 6 studenti su 10 boccia nuovo esame Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Divisi in modo netto su quasi tutto: sulle date, sulla struttura, sullo svolgimento. Sono gli studenti che dovranno affrontare la Maturità 2020. Skuola.net ha voluto capire come li hanno ‘digeriti’ i diretti interessati, facendosi aiutare da circa 5mila maturandi. È come se tra i ragazzi si siano creati due partiti, con un peso molto simile. La maggior parte di loro (53%) ritiene di no e avrebbe preferito limitare la valutazione al rendimento scolastico dell’ultimo triennio. Per questo non sorprende il successo riscontrato dalle iniziative studentesche che chiedono l’annullamento dell’esame, spesso organizzate attraverso pagine social e petizioni online. Quella che più ha preso piede, “No Maturità 2k20”, conta ad oggi ora quasi 30mila contatti su Instagram e più di 45mila firme su Change.org: secondo i dati raccolti dagli amministratori, il numero di contrari salirebbe al 76%. Ma, per un’ampia platea di scontenti, ce n’è una altrettanto grande (47%) che applaude la conferma dell’esame. Anzi, gran parte dei favorevoli, potendo, avrebbe addirittura evitato la soluzione d’emergenza: il 29% voleva sostenere la maturità completa (solo il 18% è contento fino in fondo della scelta del Ministero). Spaccatura anche su altri aspetti formali legati alla Maturità. Così è sulla formula del maxi-orale, nata per rimediare alla mancanza delle prime due prove: il 58% è d’accordo, soprattutto perché così si evitano i temuti scritti; il 42% è contrario, più che altro perché in difficoltà con le verifiche orali. Così anche sulla decisione di mantenere in piedi il calendario iniziale, facendo partire gli esami il 17 giugno: il 59% si dice poco preoccupato, avendo programmato da tempo lo studio per arrivare pronto a quella data, il 41% avrebbe però voluto qualche settimana in più per prepararsi al meglio. Così pure sulla ferma volontà della ministra Azzolina di far svolgere il colloquio nelle scuole: il 58% la approva ma non è da sottovalutare quel 42% che spera fino all’ultimo che si faccia online, da casa. Unico passaggio che sembra mettere quasi tutti d’accordo è la commissione tutta interna (tranne il presidente): per il 71%, il fatto di essere valutato dai propri professori è indubbiamente un vantaggio; per il 18% non inciderà più di tanto sull’esito dell’esame; appena 1 su 10 avrebbe voluto anche un giudizio neutro da parte di sconosciuti. Maturandi dalla parte del MI anche per quel che riguarda il sistema di punteggio introdotto, con il curriculum dello studente che sarà prevalente rispetto al voto dato all’esame (rispettivamente 60 e 40 punti), ribaltando quanto avviene di solito: per 1 studente su 2 è la giusta proporzione, per il 23% l’orale vale ancora troppo ma l’idea è giusta, il 17% li avrebbe messi sullo stesso piano, appena il 10% avrebbe dato più peso al colloquio.
Entrando nel vivo del maxi-orale, sull’ingresso dell’analisi del testo durante il colloquio (in sostituzione dello scritto d’Italiano) è un testa a testa: una metà è favorevole (visto che si baserà sul programma effettivamente svolto), l’altra metà è contraria (non trovandosi a proprio agio con questo esercizio). Un po’ a sorpresa, invece, non viene accolta con entusiasmo la possibilità di iniziare l’interrogazione con un elaborato – che il Miur sottolinea come non si tratterà di una tesina – su un tema legato alle materie d’indirizzo e concordato con i docenti che le insegnano: solo il 27% lo vede come un buon sostitutivo della seconda prova scritta, mentre la stragrande maggioranza (60%) avrebbe riproposto proprio la classica tesina. (fonte Ansa)

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

nuovo-banner-mec

banner_papera_220x180

Leggi anche

Albanella. Primo consiglio comunale: ecco deleghe assessori e consiglieri

Si è svolto questa sera il primo consiglio comunale dell’amministrazione del sindaco Renato Josca. Nel corso della pubblica assi

Viabilità, lavori su tutto il territorio provincia di Salerno

Salerno. “Da Roccapiemonte a Roscigno, da Tramonti a Positano, da Olevano sul Tusciano a Buccino, si lavora intensamente su tutta

Capaccio, Convergenze Spa Benefit: closing operazione acquisizione del 100% di Positivo Srl

Capaccio Paestum. Convergenze S.p.A. Società Benefit (EGM: CVG), operatore di tecnologia integrato attivo nei settori Telecomunicazio

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2