San Rufo. Centro sportivo meridionale condannato pagamento oneri edilizi Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, per la realizzazione delle opere “di ristrutturazione ed ampliamento”

Il Consiglio di Stato condanna il Consorzio Centro Sportivo Meridionale – Bacino SA3 a pagare al Comune di San Rufo gli oneri edilizi. 

Il Consorzio Centro Sportivo Meridionale – Bacino SA3 dovrà pagare al Comune di San Rufo gli oneri edilizi per la realizzazione delle opere “di ristrutturazione ed ampliamento” del centro sportivo. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, ribaltando la decisione assunta lo scorso anno dalla sezione staccata di Salerno del Tar della Campania.
La vicenda ha avuto inizio nel 2015 quando il Comune di San Rufo aveva rilasciato il permesso di costruire per la ristrutturazione ed ampliamento di un fabbricato da destinare a struttura recettiva (albergo e sala conferenze) del Centro Sportivo Meridionale.
Il piccolo centro del Vallo di Diano aveva determinato il costo complessivo degli oneri in 34mila euro circa. Nel ricorso al Tar il Centro Sportivo sosteneva di non essere tenuto a pagare il contributo per la costruzione alla luce del fatto che la richiesta del permesso di costruire proveniva da un ente pubblico.
Contrariamente alla decisione di primo grado, il Consiglio di Stato, in sede giurisdizionale, ha accolto il ricorso del Comune di San Rufo, difeso dall’avvocato amministrativista Nicola Senatore, e respinto il ricorso, condannando il Consorzio Centro Sportivo Meridionale – Bacino SA3 al pagamento, in favore del Comune di San Rufo, anche delle spese del doppio grado di giudizio.
“Sono soddisfatto della sentenza del Consiglio di Stato e dell’operato dell’avvocato Nicola Senatore, però vorrei fare due considerazioni: da una parte abbiamo ottenuto un risultato positivo per il paese e i cittadini, dall’altra va stigmatizzato il generale comportamento tenuto del Centro Sportivo Meridionale che, pur essendo un unione di più Comuni, ricorre spesso all’autorità giudiziaria con aggravi di spese per carta bollata, invece di approcciare ad un dialogo politico e amministrativo, sicuramente più costruttivo e meno dispendioso: in considerazione del fatto che il Comune di San Rufo, come tanti altri Comuni nella sua stessa posizione, non solo paga le proprie spese di giustizia, ma deve contribuire anche a quelle dell’ente consortile di cui fa parte, per cui l’auspicio è di abbandonare la strada dei tribunali e di riprendere un dialogo costruttivo”, commenta il sindaco di San Rufo, Michele Marmo.

 

»

Leggi anche

Salerno. Lite per una ragazza: 19enne colpito con diverse coltellate

Salerno. La movida di Salerno sempre più all’insegna della violenza e del sangue. E’ ricoverato in gravi condizioni all

Al Comune di Baronissi 18 nuovi assunti

Baronissi.  Al Comune arrivano 18 nuovi assunti. ” E’ sicuramente una storica immissione di nuove e giovani professionalita’

Salerno. 89enne operata al “Ruggi” per una neoplasia all’utero

È stata dimessa il 2 luglio scorso, dall’ ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, Anna Caputo, una donna di 89 anni, [&hellip

Webp.net-gifmaker