M5S chiede apertura ospedale S.Arsenio a struttura emergenziale covid Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

I senatori Gaudiano, Castiello, e il Consigliere regionale Cammarano: “Creare un reparto Covid a bassa intensità"

“Chiediamo l’apertura dell’ospedale Santissima Annunziata a struttura emergenziale per la cura dei malati da Coronavirus del Vallo di Diano e le aree interne limitrofe”. Lo chiedono i senatori del M5S  Felicia GaudianoFrancesco Castiello, e il Consigliere regionale Michele Cammarano.
“In queste ore sono aumentati i dati dei positivi al Covid-19 nel Vallo di Diano e nel Cilento. Per fronteggiare questa nuova emergenza, sono state allestite immediatamente le tende “anti Covid” nei pressi dell’ospedale “Luigi Curto” Polla. Bisogna assolutamente decongestionare il reparto Covid dell’Ospedale di Polla avvalendosi – affermano –  di strutture sottoutilizzate come il Presidio Ospedaliero di Sant’Arsenio (Sa), che attualmente ospita anche il servizio del 118, per il trasporto in biocontenimento di pazienti Covid-19 dell’Asl di appartenenza”. 
“Una struttura, quella di Sant’Arsenio che, se adeguatamente potenziata con piccoli interventi e con aumento di posti letto, è in grado di fronteggiare l’emergenza Covid-19, rispondendo alle attuali esigenze sanitarie. Inoltre il comune di Sant’Arsenio, poco distante dall’autostrada Salerno-Reggio Calabria (tra le uscite di Polla ed Atena Lucana), è facilmente raggiungibile dall’area del salernitano e zone limitrofe. Il presidio, inoltre, ha spazio a sufficienza e può essere facilmente isolata. L’impianto strutturale è già dotato di un laboratorio di analisi e di un reparto di radiologia”, continuano i tre esponenti istituzionali, che concludono: “La struttura ospedaliera di Sant’Arsenio potrebbe in breve tempo affrontare i lavori e gli interventi necessari a renderla immediatamente operativa.  Alleggerire quindi la pressione sanitaria, ma anche favorire una mobilità a tempi ridotti, poichè il presidio ospedaliero di Sant’Arsenio dista solo sei chilometri da Polla. Rappresenta un’opportunità concreta per creare un reparto Covid a bassa intensità con annesso centro vaccinale per garantire una più efficiente organizzazione. Il Vallo di Diano e l’alto Cilento scontano già problemi atavici dovuti al distanziamento dai centri urbani, a causa delle difficoltà di mobilità e di scarsa presenza di presidi sanitari di prossimità. Dobbiamo intervenire urgentemente, non possiamo mettere a rischio la salute pubblica”. 

»

Leggi anche

Nocera Inferiore. Lasciato al sole legato sul terrazzo: salvato Rottweiler

Nocera Inferiore.  Il 24 giugno i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cava de’ Tirreni, venivano allertati dalla centra

Eboli. Verifiche sismiche scuole: il plesso Molinello sarà chiuso

Proseguendo l’opera iniziata dal Commissario De Iesu, sono in corso le verifiche della tenuta sismica di alcuni edifici scolastici ci

Sanità Gaudiano (M5S):”Approvare mio disegno di legge”

“Un disegno di legge per far fronte alla carenza di medici di base nelle aree interne o disagiate “prevedendo sia incentivi econ

Webp.net-gifmaker