Vallo. Insegnante colpita con calcio: sporta querela contro giornalista Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

L'insegnante sarebbe stata colpita al volto nella mattinata del 4 novembre scorso in Piazza Vittorio Emanuele II

Vallo della Lucania. Insegnante picchiata: scatta la querela contro la  giornalista presunto aggressore. Il fatto è accaduto nella mattinata del 4 novembre scorso in Piazza Vittorio Emanuele II, in occasione della cerimonia pubblica dell’Unità Nazionale e della Commemorazione dei Caduti in Guerra.

La  nota stampa inviata alla nostra redazione dal legale Marcello D’Aiuto, che assiste l’insegnante

“In occasione della manifestazione, intorno al monumento ai caduti che si erge dinnanzi alla casa comunale del centro Cilentano, si erano raccolte le istituzioni politiche e militari, nonché il coro composto dagli alunni del Liceo Musicale “Parmenide” – esibitosi nell’occasione – e una delegazione delle classi quarte e quinte delle scuole primarie “Mons. A. Pinto” e “Aldo Moro” di Vallo.
Al termine della manifestazione l’insegnante – afferma D’Aiuto – da sempre impegnata nella promozione di attività sociali e culturali – mentre era accovacciata per scattare una fotografia con il proprio cellulare, sotto gli occhi attoniti dei presenti, ha ricevuto un violento calcio al volto da una nota giornalista di una emittente televisiva. 
L’insegnante ha riportato evidenti ecchimosi al volto ed altri danni fisici, curati presso l’Ospedale di Vallo della Lucania.
La sessantaduenne partecipava alla cerimonia organizzata dal Comune in qualità di docente accompagnatrice dalla sua classe.
La docente ha ricevuto la solidarietà della cittadina, degli alunni, delle insegnanti e del dirigente scolastico, nonché dei numerosi presenti alla manifestazione e di quanti sono venuti a conoscenza, anche successivamente, dell’accaduto.
L’insegnate dopo una lunga riflessione personale ha deciso di sporgere formale denuncia-querela nei confronti della giornalista televisiva  a valere quale insegnamento per i propri e per gli altri alunni presenti affinché non si tacciano le violenze subite sia in pubblico che in privato.  La violenza deve essere sempre stigmatizzata. In questo caso ancor di più perché ai danni di un’insegnante ed alla presenza di numerosi bambini. La querela è un atto necessario”. 

Spetterà alla magistratura ricostruire l’effettiva dinamica dei fatti sentendo le parti coinvolte nella vicenda. 

»

Leggi anche

Battipaglia. Intensificati controlli Polizia: sequestri, sanzioni e denuncia

Battipaglia. Proseguono i servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore di Salerno Giancarlo Conticchio nel c

Campania. Calano temperature con gelate e forte vento

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per temperature in sensibile diminuzione con gelate [

Salerno. Questura attiva protocollo Zeus per “rieducare” uomini molesti

Il Questore della provincia di Salerno, il giorno 1 febbraio 2023, ha sottoscritto con il Centro italiano per la promozione […]