Vallo. Insegnante colpita con calcio: sporta querela contro giornalista Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

L'insegnante sarebbe stata colpita al volto nella mattinata del 4 novembre scorso in Piazza Vittorio Emanuele II

Vallo della Lucania. Insegnante picchiata: scatta la querela contro la  giornalista presunto aggressore. Il fatto è accaduto nella mattinata del 4 novembre scorso in Piazza Vittorio Emanuele II, in occasione della cerimonia pubblica dell’Unità Nazionale e della Commemorazione dei Caduti in Guerra.

La  nota stampa inviata alla nostra redazione dal legale Marcello D’Aiuto, che assiste l’insegnante

“In occasione della manifestazione, intorno al monumento ai caduti che si erge dinnanzi alla casa comunale del centro Cilentano, si erano raccolte le istituzioni politiche e militari, nonché il coro composto dagli alunni del Liceo Musicale “Parmenide” – esibitosi nell’occasione – e una delegazione delle classi quarte e quinte delle scuole primarie “Mons. A. Pinto” e “Aldo Moro” di Vallo.
Al termine della manifestazione l’insegnante – afferma D’Aiuto – da sempre impegnata nella promozione di attività sociali e culturali – mentre era accovacciata per scattare una fotografia con il proprio cellulare, sotto gli occhi attoniti dei presenti, ha ricevuto un violento calcio al volto da una nota giornalista di una emittente televisiva. 
L’insegnante ha riportato evidenti ecchimosi al volto ed altri danni fisici, curati presso l’Ospedale di Vallo della Lucania.
La sessantaduenne partecipava alla cerimonia organizzata dal Comune in qualità di docente accompagnatrice dalla sua classe.
La docente ha ricevuto la solidarietà della cittadina, degli alunni, delle insegnanti e del dirigente scolastico, nonché dei numerosi presenti alla manifestazione e di quanti sono venuti a conoscenza, anche successivamente, dell’accaduto.
L’insegnate dopo una lunga riflessione personale ha deciso di sporgere formale denuncia-querela nei confronti della giornalista televisiva  a valere quale insegnamento per i propri e per gli altri alunni presenti affinché non si tacciano le violenze subite sia in pubblico che in privato.  La violenza deve essere sempre stigmatizzata. In questo caso ancor di più perché ai danni di un’insegnante ed alla presenza di numerosi bambini. La querela è un atto necessario”. 

Spetterà alla magistratura ricostruire l’effettiva dinamica dei fatti sentendo le parti coinvolte nella vicenda. 

»

Leggi anche

Battipaglia. Tragedia nell’area industriale: muore un giovane

Battipaglia.  Ennesima tragedia della strada nella  zona industriale. A perdere la vita un giovane 23enne. Per cause in corso di [&he

Traffico rifiuti dalla Tunisia a Persano: arresti e sequestri

Salerno. Nelle  prime  ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, Ufficiali e  Agenti di Polizia

Rifiuti dalla Tunisia, Tommasetti: “Condotte gravissime, fare chiarezza”

Campania. “Molti aspetti da chiarire ma facciamo i complimenti alle forze dell’ordine per il lavoro svolto”. Così Aurelio Tommas

Eboli, ricorso al Tar spostamento mercato: “Pochi oppositori tengono la città sotto scacco”

Eboli. Ricorso al Tar contro lo spostamento temporaneo del mercato dal rione della Pace a via delle Olimpiadi: sulla vicenda […]