“Green Metric 2021”: Unisa nella Top100 mondiale Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

L'Università degli Studi di Salerno si conferma prima nel Sud Italia

Fisciano. L’impegno dell’Università di Salerno sul versante della sostenibilità riceve un nuovo riconoscimento. È di queste ore la notizia che attesta l’ingresso dell’Ateneo nella Top100 della graduatoria internazionale “Green Metric 2021” per l’attenzione nei confronti della sostenibilità ambientale.

Lo studio Green Metric è elaborato dal 2010 dall’Università dell’Indonesia (UI) e misura annualmente l’impegno delle istituzioni accademiche mondiali nell’implementazioni di azioni e di soluzioni “rispettose dell’ambiente”.  L’Ateneo, già presente nel ranking da diversi anni, si colloca in questa edizione tra le prime 100 università mondiali, recuperando posizioni rispetto all’anno 2020 (120°posto) e al 2019 (112° posto).

Il punteggio finale assegnato ad ogni Istituzione accademica presente in classifica è determinato dai risultati raccolti su 6 criteri ambientali specifici: Infrastrutture, Energia, Gestione dei rifiuti, Gestione delle risorse idriche, Trasporti e Formazione in tema di ambiente.

Tra gli indicatori su cui l’Ateneo salernitano ha mostrato una performance particolarmente favorevole ci sono: la gestione dei rifiuti (28° posto al mondo) e la pianificazione energetica implementata per i due campus (32° posto al mondo), nonché i programmi di ricerca e formazione sui temi della sostenibilità (corsi, pubblicazioni scientifiche, eventi tematici).

Rispetto ai soli atenei italiani, UniSa resta stabile al 9° posto (sui 33 analizzati) e risulta il terzo del Centro-Sud (dopo l’Ateneo Roma Luiss e l’Università dell’Aquila), confermandosi il primo Ateneo del Sud.

 “L’idea di due campus sostenibili, costellati dal verde e soprattutto rivolti all’impiego misurato e attento delle risorse naturali a disposizione è per noi un progetto concreto, messo a punto giorno per giorno – dichiara il Rettore Vincenzo Loia. Dalla progettazione sostenibile delle infrastrutture di didattica e ricerca, al sistema di efficientamento energetico dei  due campus, al Parco fotovoltaico in ampliamento fino alla implementazione del nuovo Piano di gestione dei rifiuti: questi sono solo alcuni dei capitoli di un’Agenda ampio che prende il nome di UnisAmbiente e che vede a lavoro un gruppo cospicuo di docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti impegnato sul miglioramento continuo delle performance di sostenibilità. In questa fase storica, ora più che mai, abbiamo il dovere di lavorare insieme e sodo per il rispetto dell’Ambiente, a partire dai comportamenti, dallo studio, dalla formazione” – conclude il Rettore.

Il ranking Green Metric 2021 è consultabile integralmente sul portale dedicato.

»

Leggi anche

Nel Salernitano a rischio chiusura centinaia di panifici

Centinaia di panifici rischiano di abbassare le serrande a causa del caro energia e materie prime. Sono ben 500 le […]

Sulle spiagge di Paestum è l’ora del kitesurf

Capaccio Paestum. Kitler alla riscossa sulle spiagge pestane. Il vento delle ultime ore ha consentito agli appassionati di kitesurf, lo

Ottati, al via corso di danza per bambini

Ottati. A.C. Tersicore in collaborazione col Comune di Ottati apre il corso di danza presso la palestra comunale per tutti […]

Webp.net-gifmaker