Salerno. L’ Asl Salerno celebra Giornata sulla sicurezza del paziente Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Ospedale di Sapri si illumina di arancione, la Terapia Intensiva Neonatale di Nocera Inferiore apre le porte ai familiari per intera giornata

In occasione della Giornata sulla Sicurezza del Paziente la Direzione Strategica dell’Asl Salerno illumina di arancione il presidio ospedaliero di Sapri. L’Asl, attraverso la Struttura del Rischio Clinico, Diretta dalla Dr.ssa Anna Bellissimo, promuove l’umanizzazione delle cure anche all’interno di un reparto ad alta intensità di cure, quale la TIN “Terapia Intensiva Neonatale” di Nocera, che apre le porte ai familiari per 12 ore al giorno.

La tematica scelta dalla World Health Organization “Who” per celebrare la quinta giornata mondiale della sicurezza dei pazienti del 17 settembre 2023 è proprio relativa al coinvolgimento attivo dei pazienti, dei familiari e dalla comunità nella sicurezza dell’assistenza “Engaging Patients for Patient Safety”.

L’Organizzazione Mondiale Sanità ha individuato a tal proposito cinque  strategie per il coinvolgimento dei pazienti:

  1. Sviluppo di politiche e programmi con i pazienti: coinvolgere i pazienti, le famiglie e le organizzazioni della società civile nello sviluppo congiunto di politiche, piani, strategie, programmi e linee guida per rendere l’assistenza sanitaria più sicura.
  2. Imparare dall’esperienza del paziente per migliorare la sicurezza: imparare dall’esperienza di pazienti e famiglie esposti a cure non sicure per migliorare la comprensione della natura del danno e favorire lo sviluppo di soluzioni più efficaci.
  3. Accrescere il ruolo e la capacità di advocacy dei pazienti e familiari che hanno subito incidenti relativi alla sicurezza “Patient Advocates” e “Patient Safety Champions”.
  4.  Comunicazione trasparente e onesta degli incidenti di sicurezza alle vittime: stabilire il principio e la pratica della franchezza e della trasparenza in tutta l’assistenza sanitaria, anche attraverso la comunicazione di incidenti di sicurezza del paziente a pazienti e famiglie.
  5. Informazione e educazione ai pazienti e alle famiglie: fornire informazioni ed educazione ai pazienti e alle famiglie per il loro coinvolgimento nella cura di sé e promuoverne l’empowerment per un processo decisionale condiviso. L’umanizzazione – intesa come impegno a rendere i luoghi di assistenza e di cura orientati quanto più possibile alla persona, considerata nella sua interezza fisica, sociale e psicologica – è un elemento imprescindibile per garantire la qualità dell’assistenza ed una responsabilità dell’azienda che già nei mesi scorsi ha aderito alla Carta della qualità e della sicurezza delle cure promossa da Cittadinanzattiva e dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere “Fiaso”.
»

Leggi anche

Eboli. Al via, dal 19 al 21 luglio, la VI edizione di “Eboli Città Sveva”

Al via la VI edizione di “Eboli Città Sveva”: il 19-20-21 luglio 2024 la città si tramuterà in un Borgo […]

Al Molo Manfredi installata opera luminosa “I love Salerno”

Salerno.  “I love Salerno”: l’opera artistica luminosa  è stata inaugurata al molo Manfredi. L’inaugurazione

Giffoni film Festival e Asl: tutte le iniziative in campo

Il Dipartimento di Salute Mentale, di concerto con la Direzione strategica della Asl Salerno (ingegnere  Gennaro Sosto, dott. Primo Se

Salerno, piede diabetico: screening gratuito alla Casa di cura Villa del Sole

Nella Casa di Cura Villa del Sole di Salerno una giornata di screening gratuito per la prevenzione piede diabetico.  Il […]