Salerno. Attentato terroristico: cerimonia commemorazione vittime Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Questa mattina, a Salerno, con inizio alle ore 10.00, in Via Parisi (ora Piazza Vittime del terrorismo) nel quartiere Torrione di Salerno, alla presenza del Prefetto della provincia di Salerno dr. Francesco Russo e del Questore della provincia di Salerno dr. Giancarlo Conticchio si è svolta la cerimonia del 40° anniversario dell’attentato terroristico che provocò, in data 26 agosto 1982, la morte dell’Agente della Polizia di Stato Antonio Bandiera, dell’Agente Scelto della Polizia di Stato Mario De Marco e del Caporale dell’Esercito Italiano Antonio Palumbo.

La cerimonia ha avuto inizio alle ore 10.00, sul luogo dell’attentato, con lo schieramento del Picchetto d’onore della Polizia di Stato, della rappresentanza di militari del Reggimento Cavalleggeri Guide (19) e dei Gonfaloni dei Comuni di Salerno, Roccadaspide e Sangineto, della Provincia e la Bandiera dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato.

Alla commemorazione sono intervenute autorità civili e militari, la Sig.ra M. Antonietta Iuliano vedova dell’Agente De Marco, il Sindaco del Comune di Sangineto Michele Guardia, il rappresentante del Comune di Roccadaspide ing. Vito Brenca, rappresentanti dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato e una rappresentanza di “lupetti” appartenenti al Gruppo Scout Salerno 2.

A seguire, i discorsi commemorativi del Questore dr. Giancarlo Conticchio, del Ten. Col. Giuseppe Apone del Reggimento Cavalleggeri Guide e del Sindaco di Salerno dr. Vincenzo Napoli con la successiva deposizione di tre corone di alloro al monumento eretto, offerte dalla Polizia di Stato, dall’Esercito Italiano e dal Comune di Salerno.

Alla deposizione delle tre corone è proseguito un minuto di raccoglimento scandito dalle note del trombettiere della Banda Musicale della Città di Giffoni Valle Piana cui è seguita la deposizione di un fascio di fiori omaggio della Vedova De Marco e, infine, una preghiera e la benedizione da parte del Cappellano Provinciale della Polizia di Stato.

Il vile attentato, avvenne intorno alle ore 15.00 del 26 agosto 1982, con l’assalto ad un’autocolonna dell’89° Battaglione Fanteria Salerno che dalla Caserma Cascino si recava alla Caserma Angelucci.

All’incrocio di via Amato con Via Parisi due autovetture con a bordo i terroristi attaccarono il convoglio militare, riuscendo ad impossessarsi delle armi da guerra in dotazione ai soldati. Il Caporale Palumbo, che aveva tentato di reagire, fu ferito gravemente.

Una pattuglia della Squadra Volante “113”, allertata dagli spari, accorse immediatamente sul posto.  I quattro agenti intervenuti furono bersagliati da numerosi colpi di arma da fuoco. L’agente della Polizia di Stato Antonio Bandiera, alla guida dell’autovettura, cadde mortalmente ferito, mentre l’agente Mario De Marco, trasportato all’ospedale di Napoli, morì il successivo 30 agosto.

Uomini coraggiosi, che vanno onorati, come tanti altri appartenenti alle forze di polizia ed alle forze armate che, con dignità ed onore nel pomeriggio di 40 anni fa, per servire il Nostro Paese, in nome del giuramento di fedeltà alla Repubblica, pagarono con la vita l’impegno, morendo per mano del terrorismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

»

Leggi anche

Agropoli. Grave incidente tra 3 auto: 3 feriti, uno è grave

Pauroso incidente stradale nella notte, intorno alle ore 2:30, lungo la SP430 tra gli svincoli di Agropoli nord e sud. […]

Capaccio. Auto vandalizzate sul litorale e razziate dai ladri: la testimonianza

Capaccio Paestum. Macchine in sosta  lungo il litorale vandalizzate  per mettere a segno dei furti. Tre quelle finite nel mirino [&he

Casalbuono, lieve scossa sismica registrata dall’INGV

Casalbuono. Terremoto con epicentro sul territorio, a 6 chilometri dal capoluogo. Lo riporta la Sala Sismica dell’Ingv. Il sisma è [

Altavilla, aperte le iscrizioni al centro estivo 2024

Altavilla Silentina. Aperte le iscrizioni al centro estivo 2024. Dal 24 giugno al 12 luglio prossimo, quest’anno ben tre settimane, [