Cilento, depuratori inefficienti, Cirielli:” E’ una vergogna, si intervenga” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

“È inconcepibile che luoghi così ameni, come le meravigliose località della costa cilentana, da Agropoli a Sapri, debbano essere turisticamente mortificati dall’inettitudine di una Regione, una Provincia e di molti comuni dell’area, tutti a trazione Pd e cinque stelle, nonostante gli ingenti finanziamenti acquisti ai tempi del centrodestra. Questi Enti devono fare immediatamente chiarezza ed assumersi le loro responsabilità”. Lo dichiara il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. “Questi amministratori – aggiunge  Cirielli – tutti politicamente asserviti al governatore De Luca, hanno ampiamente dimostrato la loro incapacità amministrativa e politica ed è realmente assurdo che, dopo anni, ancora non siano stati avviati i lavori per rendere reale, e non solo declamata, la depurazione delle acque. Sono vicino ai cittadini  e agli operatori turistici e ringrazio il Codacons Cilento e il suo presidente, Bartolomeo Lanzara, per averlo denunciato per l’ennesima volta perché è davvero una vergogna che la fama internazionale di un intero territorio, come quello a sud di Salerno – impreziosito ulteriormente da un Parco, quello Nazionale del Cilento, terza meta preferita in Europa e tredicesima nel mondo per chi ama l’aria aperta – possa essere inficiata dall’incompetenza di certi amministratori, a livello regionale, provinciale e locale”, conclude Cirielli.

 

»

Leggi anche

Maxi incidente stradale: vittima 46enne di Pollica

È di un morto e otto feriti il bilancio complessivo del maxi incidente stradale avvenuto ieri sera sulla Cilentana, allo […]

Rincari energia e materie prime: parola ai panificatori di Abanella

Albanella. Da lunedì prossimo aumenta il costo del pane a Salerno. In media si pagherà 4 euro al chilo. Intanto […]

Nel Salernitano a rischio chiusura centinaia di panifici

Centinaia di panifici rischiano di abbassare le serrande a causa del caro energia e materie prime. Sono ben 500 le […]

Webp.net-gifmaker