Castellabate, Rizzo chiede all’Asl punto primo soccorso fisso Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Castellabate. In data odierna il sindaco Marco Rizzo ha ufficialmente richiesto al direttore generale dell’Asl Salerno di attivare un punto di primo soccorso fisso a Castellabate. Attualmente tutte le patologie, anche quelle meno gravi, richiedono lo spostamento dei cittadini al centro più vicino, sito in altro Comune, a diversi chilometri di distanza.

E’ necessaria l’attivazione di un Punto di Primo soccorso qui a Castellabate. Le patologie, soprattutto quelle più gravi, necessitano di un primo e tempestivo intervento in loco. Questo presidio di primo soccorso sarebbe fruibile anche ai Comuni limitrofi di Laureana Cilento, Montecorice e Perdifumo andando così a servire un bacino di utenza abbastanza ampio, quasi quadruplicato durante il periodo estivo. Pertanto, sarebbe auspicabile la trasformazione in PSAUT della struttura attualmente ospitante il SAUT, utilizzata solo in parte, per poter offrire soccorso anche per banali ferite o per patologie meno gravi. Non trascurabile l’ipotesi di includere all’interno della stessa anche il centro vaccinale per l’infanzia, offrendo così un servizio di prossimità soprattutto ai più piccoli, i neonati, che riceverebbero la vaccinazione comodamente nel loro Comune. Tematiche importanti come queste sono davvero care a noi, per questo il nostro impegno è costante nella risoluzione di questa problematica che attanaglia il nostro territorio ormai da anni” – dichiara il sindaco.

»

Leggi anche

Albanella. Incidente in scooter: 43enne operata, è grave trasferita al Cardarelli

Albanella. E’ stato necessario un trasferimento di urgenza  al “Cardarelli” di Napoli  per Sara S. 43enne vittima i

Campagna, finanziati due progetti di innovazione digitale

Campagna. La Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per la trasformazione digitale) ha finanziato i primi due progetti di

[VIDEO] Altavilla. Emergenza cinghiali: devastata piantagione di mais

Altavilla Silentina. Il territorio comunale da tempo ostaggio di branchi di cinghiali, che raggiungono le coltivazioni lasciando, al lo

Webp.net-gifmaker