[VIDEO] Albanella. Alberghiero dimenticato: continui “saccheggi” e ostaggio del degrado Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Con il trascorrere del tempo la situazione peggiora, le continue incursioni hanno creato davvero uno scenario drammatico

Albanella. Non c’è pace per l’ex Istituto Alberghiero di via Tana della Volpe ostaggio da tempo di saccheggi, furti e dell’erba alta. E’ stato devastato e depredato di tutto.

Con il trascorrere del tempo la situazione peggiora, le continue incursioni hanno creato davvero uno scenario drammatico. Oggi, quella che era un fiore all’occhiello per tutto il comprensorio, è tristemente nota come la scuola della vergogna. L’attuale stato non può che suscitare indignazione. Le porte sono state divelte e quasi tutte rubate, così come alcune finestre scardinate dal muro, i vetri infranti, il sistema elettrico totalmente distrutto, e rifiuti dappertutto. Hanno trafugato di tutto e continuano a farlo nell’indifferenza delle istituzioni. Condizioni igienico-sanitarie indecenti e aule tra topi morti ed escrementi.

Nel 2009 l’area esterna fu interessata da una frana causa di smottamenti e dislivelli

Anche questi con il tempo peggiorati. Senza parlare dell’umidità e delle infiltrazioni di acqua, che regnano in tutti gli ambienti dell’immobile dislocato su tre livelli. Nel 2015 tra proteste degli studenti e promesse vane di riqualificazione e di messa in sicurezza, la scuola chiuse i battenti. Gli studenti furono trasferiti in un immobile nella frazione di Matinella. Viste le attuali condizioni è ipotizzabile che occorreranno milioni e milioni di euro per sanare, in primis lo smottamento, e poi recuperare e ristrutturare l’intero edificio ceduto dalla Provincia al Comune. La struttura risulta accessibile a tutti, con i cancelli spalancati e le porte mancanti: non ci si prende più nemmeno la briga di impedire l’accesso, perché non è rimasto più nulla da rubare o vandalizzare. Negli anni, le ipotesi di riconversione di sono susseguite con un nulla di fatto. Allo stato solo chiacchiere e zero progetti.

»

Leggi anche

Ad Aquara parte il progetto “Nonno Vigile”

Ad Aquara al via, in via sperimentale,  il progetto Nonno Vigile approvato dall’amministrazione comunale diretta dal sindaco Antonio

Perdifumo. Perseguita ex: divieto di avvicinamento e braccialetto elettronico

Perdifumo. Perseguita l’ex compagna: scatta il divieto di avvicinamento con l’applicazione del braccialetto elettronico. 

Salerno, in Prefettura firmato patto per prevenire il disagio giovanile

Salerno. Ieri, presso il Salone Azzurro del Palazzo del Governo, è stato sottoscritto il Patto per prevenire e contrastare il [&hellip

Ladri acrobati in azione a Battipaglia: furto in via Serroni

Battipaglia. Si arrampicano  sui tubi e condizionatori della parete esterna di un palazzo e mettono a segno un furto.  Sono […