Agropoli, la protesta: “Castello trasformato in una favela” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Agropoli. Il castello Angioino Aragonese trasformato in una favela. La denuncia arriva da Eliseo Delli Paoli, residente del centro storico di Agropoli. “È assurdo – dichiara al quotidiano La Città – che i visitatori debbano pagare due euro per trovare la baraccopoli ancora lì, nella Piazza d’Armi. Quelle baracche bisognava smontarle subito, e invece fino ad oggi, a distanza di un mese e mezzo dalla fine delle festività, sono ancora lì. Una situazione che disonora il sito, la storia che rappresenta e delude i visitatori“.

Il castello ha ospitato, fino al 6 gennaio 2022, l’iniziativa “La vera casa di Babbo Natale – Il castello incantato” a cura della Pro loco. Le casette di legno che hanno ospitato le attrazioni, però, sono ancora al castello. Il 31 gennaio è scaduto anche il termine di concessione gratuita delle strutture alla Pro loco, come da richiesta presentata e approvata dal Comune, retto dal sindaco Adamo Coppola. Si spera ora che il castello venga liberato dalle casette in legno che, cadute nel dimenticatoio, non fanno altro che deturpare l’immagine della struttura.

»

Leggi anche

Eboli. Va in ospedale a prendere nonno e lo investe

Eboli. Va in ospedale a prendere il nonno appena dimesso e lo investe in retromarcia con il furgone. L’incidente non […]

Convergenze, per la terza volta, premiata tra eccellenze imprenditoriali

Capaccio Paestum.  Convergenze S.p.A. Società Benefit (EGM: CVG), operatore ditecnol ogia integrato attivo nei settori Telecomunicazi

Roccadaspide. Efficientamento energetico: pubblica illuminazione a led

Sono in corso di svolgimento i lavori di efficientamento energetico dell’impianto di pubblica illuminazione di Roccadaspide, realizza

Webp.net-gifmaker