A Maiori “Non tutto il mare è perduto”: presentazione libro Giuseppe Ungherese Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Maiori. Sarà presentato venerdì 5 agosto alle 19.30 a Erchie (Maiori, Salerno) presso Cria, terrazza sospesa tra cielo e mare nella splendida cornice della Costiera Amalfitana, il libro “Non Tutto il mare è perduto” di Giuseppe Ungherese.

Edito da Casti, il volume vede l’autore, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia, raccontare con parole semplici e coinvolgenti uno degli inquinamenti più importanti del nostro tempo: quello da plastica e microplastiche. Nel testo, introdotto dal noto velista Giovanni Soldini, l’autore racconta come l’invenzione, l’evoluzione e l’utilizzo oramai smisurato della plastica stia trasformando i mari del Pianeta in enormi discariche. Nel volume, che vede protagoniste numerose località iconiche della nostra penisola, viene proposto un mosaico di soluzioni, già alla portata del mercato, che se attuate in modo corretto possono modificare radicalmente lo stato delle cose e fare in modo che questo drammatico inquinamento diventi solo un triste ricordo.

Il libro, nei suoi dieci capitoli, porta il lettore in un viaggio tre le meraviglie naturali, storiche e paesaggistiche di alcune zone costiere italiane minacciate dalla presenza di rifiuti: da Capraia, isola dell’arcipelago toscano, passando per il fiume Sarno, fino allo stretto di Messina. La presentazione del libro venerdì presso Cria sarà quindi anche l’occasione per parlare di una tematica importante e attuale

»

Leggi anche

Maxi incidente stradale: vittima 46enne di Pollica

È di un morto e otto feriti il bilancio complessivo del maxi incidente stradale avvenuto ieri sera sulla Cilentana, allo […]

Rincari energia e materie prime: parola ai panificatori di Abanella

Albanella. Da lunedì prossimo aumenta il costo del pane a Salerno. In media si pagherà 4 euro al chilo. Intanto […]

Nel Salernitano a rischio chiusura centinaia di panifici

Centinaia di panifici rischiano di abbassare le serrande a causa del caro energia e materie prime. Sono ben 500 le […]

Webp.net-gifmaker