Cisl Fp:”Dipartimento Salute Mentale Asl Salerno, programmazione assente” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Salerno. Il Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Salerno non è governato né la direzione sanitaria aziendale pone rimedio a tale totale assenza di programmazione. La grave situazione della UOSM di Angri per quanto attiene la carenza di organico e la chiusura dei servizi a Scafati per mancanza di personale, mostra tutta la poca attenzione che si pone sulla continuità assistenziale, la certezza delle cure e la garanzia di avere presidi territoriali a tutela del malato psichiatrico”. Questo è quanto denunciato dai dirigenti sindacali della Cisl Fp di Salerno. Pietro Antonacchio, Paolo Fasolino, Andrea Pastore e Francesco Pagano, rispettivamente segretari e coordinatori per la CISL FP di Salerno, in una missiva indirizzata anche al sindaco di Scafati, quest’ultimo in quanto primo responsabile sanitario del territorio di competenza. “Poca volontà di adeguare gli organici e tenere aperte le strutture territoriali, marcando una accentuata interruzione dell’assistenza sanitaria per i pazienti fragili psichiatrici– sottolinea la Cisl Fp-appare evidente che già la dislocazione della sede della Uosm nel comune di Angri, qualora si determinasse la sua unica e sola presenza sul territorio in questione, rappresenterebbe, come si configura tutt’oggi, una consistente disparità dell’assetto organizzativo offerto dal servizio di Salute Mentale dove le funzioni deputate della Uosm, con particolare attenzione alla loro declinazione in relazione alle caratteristiche demografiche del territorio e dell’utenza afferente, non sono omogenee, avendo una popolazione che insiste più sul comune di Scafati. In tale scenario, non è l’organizzazione a ruotare intorno alla persona malata ma è lo stesso cittadino che cerca di ricomporre, in solitaria prima persona l’offerta assistenziale presentandosi ai diversi punti di erogazione dei servizi per ricevere una risposta al proprio bisogno di salute. Appare inutile anche se purtroppo oggi se ne ravvede il bisogno, sottolineare il fallimento dell’attività del Dipartimento di Salute Mentale, che invece di potenziare le strutture operative, rendendole capaci di garantire l’unitarietà degli interventi volti al soddisfacimento dei bisogni dei cittadini, li depotenzia e li frammenta con la chiusura di servizi indispensabili su un territorio, come quello del comune di Scafati con circa sessantamila abitanti. Oggi più che mai- concludono con rammarico Antonacchio, Pastore, Fasolino e Pagano- che non sono ancora percettibili i gravi danni psicologici e psichiatrici che i cittadini avranno a seguito dell’epidemia in atto, sarebbe opportuno potenziare i servizi di salute mentale invece di chiuderli, senza alcuna ipotesi imminente di riapertura. Purtroppo ciò attiene ad una seria programmazione del settore che allo stato non manca, ma è del tutto assente”.

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Leggi anche

Bellosguardo. Sequestrata piantagione di cannabis lungo il fiume

Avevano realizzato una vasta piantagione di cannabis lungo il fiume. Posto sotto sequestro oltre 100 piante.  L’operazione è st

Campania, Covid: 670 nuovi casi, 1 decesso

Campania. Sono 670 i nuovi contagi in Campania: lo ha reso noto l’Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di […]

Salerno, “LegaTi – Come una melodia”: evento beneficenza alla Lega Navale

Salerno. Si terrà domani sera alle 21 l’evento “LegaTi – Come una melodia“, organizzato presso da Lega Navale

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2