Montecorvino Pugliano. Alloggi popolari: ok acquisto superfice 48 famiglie Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Montecorvino Pugliano. Alloggi popolari: ok acquisto superfice 48 famiglie. 
Con delibera di Consiglio comunale  l’amministrazione comunale ha dichiarato la decadenza della società “IACP FUTURA” dalla convenzione urbanistica n. 380/2000, con conseguente estinzione del diritto di superficie.
Dopo un ventennio dall’ultimo atto significativo, questo atto consentirà alle 48 famiglie, assegnatarie degli alloggi, di definire il trasferimento del diritto di superficie e legittimare definitivamente il proprio titolo di proprietà.
La società “IACP FUTURA” era subentrata all’Istituto Autonomo Case Popolari della Provincia di Salerno nei diritti ed obblighi derivanti dalla convenzione urbanistica sottoscritta con il Comune di Montecorvino Pugliano, per l’acquisizione, mediante esproprio, delle aree oggetto di intervento e la realizzazione del programma edificatorio dei 48 alloggi in località Bivio Pratole.
Il suddetto concessionario, dopo aver completato le opere, non ha perfezionato per lungo tempo le formalità successive all’esproprio delle aree, con trascrizione a sé della proprietà superficiaria e della nuda proprietà al Comune di Montecorvino Pugliano, con conseguenze negative in primis di ordine fiscale per i proprietari originari dell’area e con effetti negativi per gli assegnatari degli alloggi; il fallimento successivo di IACP FUTURA, soggetto attuatore, ha fatto poi venir meno i requisiti di idoneità oggettiva e soggettiva a porre in essere le predette formalità.
«Con soddisfazione motivata – afferma il Sindaco Alessandro Chiola, che ha seguito in prima persona ogni singolo passaggio – posso dunque affermare che questa Amministrazione si è sostituita nelle forme di legge alla IACP FUTURA per procedere celermente al completamento di tutti gli adempimenti rimasti sospesi. La pronuncia consiliare di decadenza dalla convenzione urbanistica numero 380/2000 ha determinato infatti l’estinzione del diritto di superficie in capo al concessionario e la devoluzione degli immobili realizzati al patrimonio indisponibile del Comune. Inoltre, – spiega il Primo Cittadino Chiola, – è in ogni caso intenzione di questa Amministrazione fare salvi i diritti delle famiglie assegnatarie degli alloggi, autorizzando fin da ora la regolarizzazione in via definitiva in capo alle medesime del diritto incondizionato di superficie, su richiesta del singolo assegnatario mediante apposito atto integrativo. Si chiude dunque – conclude il Sindaco – positivamente una vicenda che vede questa Amministrazione farsi carico di adempimenti e responsabilità tese unicamente alla risoluzione di una vertenza che ha segnato per troppo tempo la vita di tante famiglie il cui diritto ed interesse trova, ancora una volta, identità unica nell’interesse generale da sempre tutelato e perseguito da questa amministrazione perché, come promesso, non mi stancherò mai di ricordare che nessuno resterà indietro».

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Leggi anche

Capaccio. Beni confiscati Licinella: Comune chiede dissequestro

Capaccio Paestum. L’amministrazione del sindaco Franco Alfieri chiede il dissequestro degli immobili di proprietà del Comune, confis

Capaccio. Polizia locale scopre maxi piantagione cannabis:oltre 3000 piante

Capaccio Paestum. Maxi operazione antidroga, in località Cerro in via Feudo La Pila, portata a segno dal personale della polizia [&hel

Campania, 341 nuovi positivi al Covid-19

Campania. Pubblicato il bollettino ordinario dell’Unità di crisi della Regione Campania. Stando ai dati aggiornati alle 23.59 di

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2