Capaccio. Locazioni turistiche abusive: 7 proprietari sanzionati Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Le operazioni di accertamento  hanno interessato le contrade marittime della Linora e Torre di mare

Capaccio Paestum. Lotta contro le locazioni turistiche abusive e la conseguenziale evasione della Tari e tassa di soggiorno. Sette i titolari di casa vacanze utilizzate per locazioni turistiche brevi,  finite nella rete dei controlli del personale del nucleo antievasione e del servizio rilievi e verifiche sul territorio. I controlli sono stati predisposti nell’ambito delle misure preventive finalizzate a contrastare l’evasione dei tributi locali.  Sono state elevate sanzioni per 7000 euro. L’attività mirata  è stata disposta dal responsabile dell’Area tributi ed entrate patrimoniali, Antonio Rinaldi.  Le operazioni di accertamento  hanno interessato le contrade marittime della Linora e Torre di mare, che registrano la presenza di migliaia di villeggianti. Nel corso dei controlli,  all’interno delle case date in locazione per periodi inferiori a trenta giorni, sette sono risultate irregolari. Non rispettavano le regole imposte dal deliberato adottato dall’amministrazione del sindaco Franco Alfieri. “Provvedimento adottato – spiega Rinaldi – nell’ottica di una maggiore permeabilità ed efficacia delle misure atte a contrastare l’evasione e l’elusione dei tributi locali. E’ diffusa la pratica delle locazioni abusive di tanti proprietari di immobili, che praticano le locazioni brevi e turistiche brevi”. I proprietari di immobili, anche in presenza di contratto, non procedono alla dichiarazione per l’applicazione della tariffa Tari, che va fatta in conseguenza dell’aumento temporaneo del numero degli occupanti. E, non effettuano alcuna dichiarazione anche per il pagamento dell’Imposta di soggiorno. L’evasione dell’imposta di soggiorno e della Tari ha riguardato un totale di trenta  persone ospitate nelle strutture oggetto di locazioni brevi. Le sanzioni elevate ammontano a 7000 euro.  Per ogni locazione accertata, sono state elevate sanzioni per 1000 euro. 500 euro per non aver pagato l’Imposta di soggiorno; 500 euro per inadempienza all’obbligo della comunicazione inizio attività all’ufficio Imposta di soggiorno e accreditamento obbligatorio sul portale telematico “PayTourist” per le dichiarazioni mensili, per i versamenti mensili e per la rendicontazione annuale . Inoltre, a carico del locatore sarà applicata la sanzione per inadempimento alla dichiarazione ai fini dell’applicazione tassa sui rifiuti, riferita all’aumento temporaneo degli occupanti come conseguenza della locazione breve. In via presuntiva verrà calcolato il periodo massimo di sei mesi, limite entro cui il pagamento della Tari spetta al locatore. Si  applica la sanzione amministrativa dal 100% al 200% del tributo dovuto, con un minimo di 50 euro.  All’accertamento delle violazioni segue la segnalazione dell’illecito accertato all’Agenzia delle Entrate.

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

banner_papera_220x180

Leggi anche

Cisl Fp: “Al Comune di Camerota comportamento antisindacale”

Camerota. Stato di agitazione al Comune per violazione delle relazioni sindacali,  causa mancata convocazione per la contrattazione de

Agropoli. Sanificatori aria scuole: contributo dal Comune

Sanificatori d’aria nelle scuole del Primo e del Secondo Circolo didattico di Agropoli. L’amministrazione comunale, guidata

Vallo. Consac, arriva Fondo contro “perdite occulte” di acqua

Vallo della Lucania. Un Fondo ad hoc permetterà agli Utenti di Consac, presieduto da Gennaro Maione,  che vorranno aderire pagando [&

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2