[VIDEO] Agropoli, ritirava pensione madre morta nel 2013 Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada

Agropoli. Su disposizione della Procura di Vallo della Lucania, la guardia di finanza del comando provinciale di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni fino alla concorrenza di 67 mila euro, emesso dal Gip del tribunale di Vallo della Lucania nei confronti di R.E. di Agropoli. La donna, all’esito delle indagini condotte dalla compagnia della guardia di finanza di Agropoli, è stata denunciata per il reato di indebita percezione di erogazioni in danno dello Stato, poichè, pur non avendone diritto, ha continuato ad intascare la pensione della mamma deceduta nel 2013. In particolare, le fiamme gialle hanno accertato che la donna, una 56enne di Agropoli, approfittando della circostanza che nessun funzionario della locale anagrafe civile avesse mai effettuato la prevista comunicazione di avvenuto decesso agli uffici dell’Inps, ha continuato a riscuotere le rate della pensione da circa 1200 euro, accreditate mensilmente su di un conto corrente postale cointestato con la defunta madre, per un ammontare complessivo di 67 mila euro fino al mese di marzo 2018. I militari agropolesi hanno inoltre accertato che l’indagata, nonostante avesse indebitamente percepito la pensione della mamma da oltre 5 anni, non ha esitato a richiedere all’Inps anche il reddito di cittadinanza, per un importo di circa 260 euro mensili. Per tale motivo, quindi, è stata nuovamente denunciata alla Procura di Vallo della Lucania. Pertanto i finanzieri hanno dato esecuzione al provvedimento ablativo emesso dal Gip del tribunale di Vallo della Lucania, sottoponendo a sequestro un immobile, un autoveicolo e le somme di denaro rinvenute sui conti correnti. Nello stesso tempo, è stata attivata la locale sede dell’Inps, affinchè provveda alla sospensione del sussidio.

»

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

banner_papera_220x180

Leggi anche

Eboli. Pizzicato che bruciava rifiuti: sanzione di 1032 euro

Eboli. Pizzicato dalla polizia municipale,  che bruciava rifiuti: emessa nei suoi confronti una sanzione di 1032 euro. L’uomo a

Albanella. Eseguita autopsia su presunto corpo Gaudiano

Albanella. Si è conclusa poco prima delle 16 l’esame autoptico sul presunto corpo di Peppino Gaudiano, il 51enne scomparso lo [&

Capaccio. Tabacchificio: entro 3 marzo Comune depositerà offerta

Ex Tabacchificio di Capaccio Paestum: fissata l’asta per la vendita senza incanto. L’Amministrazione Alfieri attendeva da tempo que

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

Webp.net-gifmaker-2