APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Primo Piano

Stampa

 CAMPANIA REGIONALI: I CANDIDATI IN CORSA 

 

Capaccio, gestione demanio marittimo: ecco come cambiano le regole Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

litorale capaccio

Capaccio Paestum. Modifiche al regolamento comunale per la gestione del Demanio marittimo, composto da 27 articoli. Il regolamento costituisce uno strumento di pianificazione nomologica della fascia costiera comunale, al fine di programmare l’utilizzo del litorale preservandone le bellezze e puntando alla sua valorizzazione turistico-ricreativa. La concessione demaniale consente, compatibilmente con le esigenze del pubblico uso, l’occupazione e l’uso anche esclusivo di beni demaniali e zone di mare territoriale per un determinato periodo di tempo.

I canoni sono calcolati in conformità alle disposizioni previste dalla legge e la superficie da considerare ai fini del calcolo del canone è costituita dalle aree scoperte, ovvero dalle aree coperte da impianti, manufatti e opere. La prima rata deve essere corrisposta entro il 31 dicembre dell’anno di concessione, le rate successive hanno tutte decorrenza dal 1 gennaio di ogni anno di validità. Il pagamento annuale va effettuato entro il 15 settembre. Il mancato pagamento di due annualità comporta l’avvio del procedimento di decadenza della concessione demaniale marittima.

Il concessionario deve garantire l’osservanza degli obblighi assunti. L’uso delle zone demaniali marittime e del mare territoriale, ove limitato a un periodo di breve durata compreso in 30 giorni, è consentito senza formalità istruttorie e a seguito di un nullaosta o autorizzazione da parte della giunta comunale. Le domande per gli eventi di breve durata vanno presentate almeno una settimana prima dell’evento. Le concessioni a durata triennale rilasciate a seguito di gara pubblica entro il 30 marzo 2018 possono continuare a operare fino alla naturale scadenza prevista dal bando, ossia il 30 settembre 2020. L’anticipata occupazione e l’uso dei beni del demanio marittimo possono essere consentiti, su motivata richiesta dell’interessato, purché questo osservi le condizioni che saranno stabilite nell’atto di concessione.

Il regolamento disciplina la fascia costiera suddivisa in 5 ambiti funzionali, suscettibili di utilizzazione mediante concessione e autorizzazione per finalità turistico-ricreative. Nel rispetto della legge deve essere sempre garantito il mantenimento di aree di libera e gratuita fruizione nella misura non inferiore al 20% delle spiagge e del 20% di altre superfici demaniali utilizzabili per la balneazione. Con l’approvazione del regolamento, va garantita anche la libera fruizione della spiaggia in misura non inferiore al 30 percento calcolato per ambito delle superfici demaniali utilizzabili per la balneazione. Il fronte mare delle concessioni demaniali vigenti va scorporato dal fronte mare concedibile. Le aree demaniali marittime possono essere assegnate tramite procedura ad evidenza pubblica. Per le nuove concessioni aventi ad oggetto attività di balneazione e servizi complementari e nelle more dell’approvazione del Puad regionale, i rilasci vanno inseriti nei titoli concessori con apposita clausola risolutiva espressa. Le aree disponibili possono essere assegnate ai soggetti che ne fanno richiesta tramite ordinario procedimento amministrativo: le domande vanno corredare della documentazione necessaria e la fase istruttoria richiede 15 giorni per l’eventuale presentazione di integrazioni, seguita dalla fase di pubblicità legale e pubblicazione della domanda. Sono escluse dal procedimento di evidenza pubblica le concessioni per: autorizzazione per eventi sportivi, realizzazione di infrastrutture, adeguamento igienico sanitario di impianti esistenti, adeguamenti delle strutture concessionate a norme settoriali o di legge, standard urbanistici, passeggiate, camminamenti, aiuole, torrette di sorveglianza, aree di primo soccorso, aree di uso pubblico da parte dell’amministrazione. Il concessionario deve munirsi di tutte le autorizzazioni necessarie per l’esecuzione delle opere consentite.

E’ consentito l’affidamento a terzi, ma l’aspirante affidatario deve dimostrare il possedimento dei requisiti richiesti e, in particolare, di essere in regola con imposte e tasse comunali. Stesse condizioni per il subingresso in caso di cessione, fitto, vendita o eredità. La concessione è revocabile per ragioni di interesse pubblico. Nel caso di revoca parziale il canone è ridotto in relazione alla nuova superficie concessa. In caso di revoca il bene demaniale va restituito in pristino di stato.

Per quanto riguarda le spese:

la richiesta di rilascio di nuova concessione ha un costo di 1.000 euro; la richiesta di autorizzazione a subingresso costa 500 euro; la richiesta di affidamento costa 500 euro; il rinnovo o proroga di una concessione ha un costo di 500 euro; la richiesta di variazione al contenuto della concessione ha un costo di 500 euro; per la richiesta di autorizzazione o concessione per brevi periodi il costo è di 100 euro; per la richiesta di autorizzazioni per lo svolgimento di manifestazioni o eventi senza patrocinio comunale il costo è di 100 euro.

convergenze

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Capaccio

ambulanza

Capaccio, scontro tra auto e moto a Spinazzo: centauro in ospedale

Capaccio Paestum. Scontro tra una moto e un’auto a Capaccio Paestum, questa mattina. L’incidente si è verificato in località Spinazzo, […]

comune-capaccio

Capaccio, tende filtranti e ignifughe per il polo scolastico

Capaccio Paestum. Tende filtranti e ignifughe al polo scolastico di Capaccio Capoluogo. A consentirne l’installazione è il Comune di Capaccio […]

Politica

antonio-marra

Ad Altavilla rischio insediamento seggi, Marra:”Mancano 500 schede elettorali”

  Ad Altavilla Silentina rischio insediamento e caos nei seggi elettorali : mancano 500 schede elettorali, penne, matite ed altri […]

consiglio comunale albanella

Albanella, convocato il consiglio comunale

Albanella. Convocato in seduta ordinaria pubblica per il 28 settembre alle 18.30, presso Palazzo Spinelli, il consiglio comunale di Albanella. […]

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada