APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Siamo tutti sorvegliati come in “Truman Show” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

telecamere

Gli statali sono, nell’immaginario di certa retorica populista, il gruppo sociale  che non ha voglia di fare niente e che, appena può, cerca di frodare lo Stato, smette di lavorare e si rifugia in piccoli e grandi espedienti per turlupinare il prossimo. Mentre in questi giorni si discute dell’argomento numero uno (da sempre) in tema di manovra economica, cioè di evasione fiscale. Mentre allegramente ristoranti e bar, esercenti e partite iva, consulenti e professionisti, commercianti, avvocati, fiscalisti e idraulici, continuano a non emettere scontrini, a glissare sulle fatture, a farsi pagare in contanti, la scure dello Stato continua a menare fendenti sul popolo degli statali.

Infatti, se non bastasse il fatto che le tasse le devono pagare obbligatoriamente, con trattenute alla fonte, in questi giorni a rincarare la dose abbiamo letto la notizia  del SI all’utilizzo delle telecamere come deterrenti per stanare i disonesti della pubblica amministrazione. La cosa lascia abbastanza indifferenti perché questo non è il primo e non sarà neanche l’ultimo dei tentativi per colpire i cosiddetti “furbi del cartellino”, denominazione che troppo spesso ha contrassegnato l’intero mondo della pubblica amministrazione e che va quasi di pari passo con l’aggettivo di fannullone applicato indiscriminatamente all’impiegato medio dello Stato. Per fare questa operazione di sorveglianza mediante telecamere, è stata messa nel cassetto, come assicura il nuovo ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, l’idea di utilizzare la più tecnologica impronta digitale per monitorare la presenza sul posto di lavoro dello statale. Sia perché sarebbe andata incontro ai rilievi già mossi dal Garante della Privacy, sia per la eccessiva spesa che avrebbe comportato l’intera operazione con la dotazione, per migliaia di edifici pubblici, dei  rilevatori. Così, nella nuova legge di bilancio e nel pacchetto delle misure previste, fra cui quelle legate alla tecnologia e alla sostenibilità ambientale, ai municipi small, alla informatizzazione della Pubblica Amministrazione, ritroveremo un aumento esponenziale delle telecamere negli uffici e sui luoghi di “transito” degli impiegati dello Stato, ennesimo tentativo di colpire chi, sempre nell’immaginario comune, ha poca voglia di lavorare.  Per snidare un po’ di presunti scansafatiche saremo quindi  tutti costretti, sui posti di lavoro, a vivere davanti all’occhio vigile delle telecamere, come in un colossale “Truman Show”, il film di Peter Weir con Jim Carrey che ha fatto epoca. Eppure siamo già tutti spiati, ripresi, fotografati, sbattuti sui profili Instagram o Facebook, taggati, condivisi, filmati di nascosto, tracciati. Ci mancavano solo anche le telecamere agli sportelli e negli uffici, con l’intimità che va a farsi benedire. Ce n’era veramente bisogno?

antico pastaio

banner caputo sito

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

banner-mutuo-220x180

Focus

alzheimer

Campania, sesta regione per malati di Alzheimer

In Italia ci sono 1,2 milioni di malati conclamati di Alzheimer (www.RotaryAlzheimer.org) e oltre 700 mila persone che ancora non […]

20170928-inaugurazione-paxman-1

Morte per tumori, la Campania al primo posto

Nell’Unione Europea le differenze in molti degli indicatori dell’European Regional Competitiveness Index, raccolta di dati che permette di valutare le […]

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada