APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Saldi: come evitare fregature Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

saldi shopping

Campania. Al via i saldi invernali il 5 gennaio. Si preannuncia una lievissima inversione di marcia rispetto all’anno precedente con una previsione di circa il 38 per cento dei campani che approfitterà degli sconti di inizio anno. Non si spenderanno più di euro 153 a famiglia, con un aumento di circa il 3.5 per cento rispetto allo scorso anno. Secondo il presidente della Federconsumatori Campania Rosario Stornaiuolo: “I clienti gireranno molto per verificare eventuali acquisti da poter effettuare ma non avendo grandi risorse, dedicheranno le poche disponibili agli acquisti per i più piccoli con gli ultimi regali in prossimità dell’Epifania.” Dichiara ancora Stornaiuolo che a spaventare sono le previsioni sull’aumentare delle bollette che vanno dal 5,3 per cento per l’elettricità al 5 per cento per il gas per il primo trimestre 2018 pari ad un aumentare complessivo annuo per tutte le utenze di circa 1450 euro a famiglia. Previsti anche aumenti per i transiti autostradali + 6 per cento per il tratto Napoli-Salerno della A3 e circa il 5 per cento per la tratta della tangenziale di Napoli. Altri deterrenti sono operazioni commerciali come il Black Friday e il sempre crescente numero di acquisti online, a tal proposito Stornaiuolo mette in guardia tutti i consumatori sull’aumentare delle truffe collegate all’ e-commerce.

Di seguito un decalogo per gli acquisti in sicurezza:

Conservare sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad esempio perché il prodotto è finito, avete diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Si hanno due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. Stare alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

Girare. Nei giorni che precedono i saldi andare nei negozi a cercare quello che interessa, segnandone il prezzo; si può così verificare l’effettività dello sconto praticato e andare a colpo sicuro, evitando inutili code. Non fermarsi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontare i prezzi con quelli esposti in altri esercizi.

Consigli per gli acquisti. Cercare di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: così si è meno influenzabili dal negoziante e si corre meno il rischio di tornare a casa colmi di cose, magari anche a buon prezzo, ma delle quali non si aveva alcun bisogno. Valutare la bontà dell’articolo guardando l’etichetta che descrive la composizione del capo d’abbigliamento (le fibre naturali ad esempio costano di più delle sintetiche). Pagare un prezzo alto non significa comprare un prodotto di qualità. Diffidare dei marchi molto simili a quelli noti.

Diffidare degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto). Un commerciante, salvo nell’Alta moda, non può avere, infatti, ricarichi così alti e dovrebbe vendere sottocosto.

Servirsi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistare merce della quale si conosce già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell’acquisto.

Negozi e vetrine. Non acquistare nei negozi che non espongono il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato. Il prezzo deve essere inoltre esposto in modo chiaro e ben leggibile. Controllare che fra la merce in saldo non ce ne sia di nuova a prezzo pieno. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro dalla “nuova”. Diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non vi consentono di vedere la merce.

Prova dei capi: non c’è l’obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante. Il consiglio è di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati.

Pagamenti. Nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

Fregature. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi alle associazione dei consumatori, oppure chiamate i vigili urbani.

modal gif

banner-trattoria-angela-sito

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

animazione voe di strada - contadina 2

botteghe autore

banner_casasmart_220x180

Focus

fiume sarno

Legambiente, ecco mappa fiumi inquinati

Goletta dei Fiumi è l’iniziativa promossa da Legambiente Campania nata per monitorare lo stato di salute dei maggiori fiumi della […]

fusione-di-comuni

In otto anni «spariti» 336 comuni, record fusioni nel 2016

In otto anni sono “spariti” 336 Comuni, poco più del 4% del totale. L’effetto fusione ha cambiato così la mappa […]

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

beauty banner

output_fieBuC

Webp.net-gifmaker

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-edicola-laura

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

ceramiche-ruggiero-banner

banner-Coviello-II-fascia

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada