APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Giustizia “salata”, italiani rinunciano a farsi difendere Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

giustizia

Per il 70% dei cittadini i costi della giustizia sono eccessivi. 1,5 milioni di cittadini hanno rinunciato negli ultimi 3 anni a far valere i propri diritti in tribunale: alla base di tale situazione, i costi proibitivi della giustizia italiana, che allontanano sempre più gli utenti dalle aule dei tribunali. A denunciarlo il Codacons, nel corso dell’audizione dinanzi la Commissione Finanze del Senato. “Per il 70% degli italiani i costi della giustizia sono eccessivi ed impediscono l’esercizio dei propri diritti – ha spiegato il presidente Carlo Rienzi – In base alle ultime stime 1,5 milioni di cittadini hanno rinunciato ad intentare una causa in tribunale nell’ultimo triennio, non potendo affrontare le relative spese di giudizio. Un quadro deprimente che porta vantaggi unicamente ad aziende e operatori del mercato, i quali possono mettere in atto vessazioni e pratiche scorrette a danno degli utenti, sempre più deboli e incapaci di difendere i propri diritti”. A raccogliere la protesta del Codacons, che ha chiesto al Parlamento di esonerare le realtà Onlus dal pagamento del contributo unificato proprio per permettere la difesa legale dei soggetti più deboli, i senatori Luciano D’Alfonso, Elio Lannutti, Maurizio Buccarella, Andrea Ferrazzi, che l’associazione ringrazia assieme agli altri membri della Commissione e al presidente Alberto Bagnai. Sulla questione del contributo unificato il Ministro dell’economia Giovanni Tria, attraverso il capo dell’ufficio legislativo del ministero, consigliere Zaccardi, ha dato parere favorevole ad un emendamento che risolva il problema, richiesto da Codacons e Legambiente, emendamento sul quale si attende ora il parere del Ministro della giustizia. (Codacons)

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Focus

d2d2e82a9f9294a9667957da3d627141_M

Servizi infanzia Campania, insufficiente offerta pubblica e privata

Nell’anno scolastico 2016/17 sono stati censiti sul territorio nazionale 13.147 servizi socio-educativi per l’infanzia. I posti autorizzati al funzionamento sono […]

VIAREGGIO, ITALY - FEBRUARY 6: Local residents enjoy the carnival parade February 6, 2005 in Viareggio, Italy. The Viareggio Carnival was established in 1873 when some of the local land lords organized a procession of decorated floats which paraded up and down the main street of the city. On that first occasion a masked protest was also organized by a number of citizens, as they were aggrieved at having to pay so many taxes. Since then Viareggio has become the home of the Italian Carnival, with its masked parades characterized by allegorical floats made from papier mache, masked balls and parties in the various district of the city. The floats are considered works of art to which the local float makers dedicate an entire year of workmanship. (Photo by Marco Di Lauro/Getty Images)

Senso civico italiani, ecco errori quotidiani

Per senso civico dei cittadini ci si riferisce a quell’insieme di comportamenti e atteggiamenti che attengono al rispetto degli altri […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada