APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Bimbo di 6 anni costretto a vestirsi da femmina: “Mamma lo chiama Luna” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

james luna

Ha imposto al figlio di sei anni di vestirsi da donna. E minacciato il marito di non farglielo più vedere nel caso si fosse opposto. Questa l’incredibile storia che arriva dagli Stati Uniti, e precisamente da Dallas, in Texas, riportata dai colleghi di Thefederalist.com. Una vicenda sfociata in una battaglia in tribunale per la custodia del piccolo James. Che ovviamente è il primo a farne le spese, con gravi conseguenze sul suo equilibrio psico-affettivo ed effetti dirompenti sulla sua identità di genere.

Il bambino vive con sua madre (pediatra di professione) che lo costringe a vivere come una trans, con il nome di “Luna”. E lui, da bravo figliolo, obbedisce. Ma quando sta con il padre, potendo scegliere, torna uomo al 100% – così, d’altronde, è nato. Nella causa di divorzio lei ha accusato lui di abusi sul piccolo, del quale non avrebbe accettato la natura transgender, e ha cercato di impedirgli di vederlo (lo sta facendo tuttora). Non solo: pretende da lui che si faccia carico delle spese dell’assistenza di uno specialista pro-transgender e degli interventi medici di cui – a suo dire – James ha bisogno, compresa la sterilizzazione ormonale a partire dall’8° anno di età.

La donna, anche sulla scorta dei pareri ricevuti dagli specialisti che ha consultato, è convinta che il bimbo viva un conflitto tra sesso fisico e genere percepito: in termini tecnici si parla di “disforia di genere”. Ma i suoi comportamenti sembrano suggerire il contrario. Quando sta con il padre (e può scegliere vestiti, giochi e così via), James si comporta come tutti gli altri ragazzini della sua età e non si identifica con l’altro sesso. Si direbbe piuttosto che sua madre cerchi di inculcare in lui quello che è un auto-convincimento. Purtroppo, mai come in questi casi una diagnosi sbagliata può determinate conseguenze irreparabili e irreversibili sulla salute fisica e mentale del bambino.

La libera scelta del piccolo James
James, secondo quanto appurato da uno specialista terzo con una serie di test, non è “coerente, insistente e persistente nel suo desiderio di diventare ‘Luna’”. E già questo basta a invalidare la diagnosi sostenuta e difesa da sua madre. Ma i magistrati che stanno seguendo il suo caso sono di tutt’altro avviso, e hanno proibito al papà di James di vestirlo da ragazzo, di dirgli che è un uomo o di condividere con lui insegnamenti scientifici e/o religiosi sulla sessualità. Quanto sta con lui, il genitore deve obbligatoriamente mettergli a disposizione sia vestiti da maschio che da femmina (anche se lui opta poi sempre per i primi).

“James rifiuta con violenza gli abiti da ragazza”, racconta il papà. E vari testimoni oculari lo hanno confermato, anche per iscritto. Diagnosi o manipolazione? Michelle Cretella, pediatra e direttore esecutivo dell’American College of Pediatricians, descrive l’incoraggiamento del cambio di sesso e dei trattamenti ormonali per i bambini all’interno della comunità pediatrica come una forma di “abuso infantile istituzionalizzato”. Vale la pena di rifletterci su prima che sia troppo tardi, per James e per tanti altri piccoli innocenti. (NewsRepublic)

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Dall'Italia e dal Mondo

brexit

Londra, in strada per dire no alla Brexit

Gremita la manifestazione di protesta contro la Brexit in corso a Londra, con migliaia di persone radunatesi presso la centralissima […]

ambulanza

Incidente e incendio: 24enne muore carbonizzato in auto

Tragedia nel Casertano dove nella notte di ieri, un ragazzo di 24 anni, italiano, è morto carbonizzato in seguito all’incidente […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada