APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Azienda Padova, premio alle donne che fanno figli Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

nascite

Padova. «Non chiamatelo bonus o benefit. È qualcosa di più, è un vero e proprio incentivo alla natalità»: il presidente della Eurointerim, azienda per il lavoro con sede a Padova, ha 57 anni, due figli e un destino racchiuso nel nome, Luigi Sposato. Ha deciso di offrire ai suoi dipendenti e collaboratori un premio a chiunque metta al mondo un figlio.Che in tempi in cui i congedi per maternità o paternità sono spesso vissuti solo come un costo è sicuramente una novità da registrare. E in un’Italia che, grafici Istat alla mano, invecchia ogni anno di più e conta ormai stabilmente più decessi che nascite, rappresenta in qualche modo una svolta. Alla Eurointerim hanno stanziato un fondo di 50mila euro che, fino a esaurimento, verranno destinati e neo mamme e neo papà: a ogni fiocco azzurro o rosa il dipendente si vedrà assegnata una mensilità di stipendio in più. «Tutto è nato da un episodio semplice -racconta Luigi Sposato – capitato proprio alla mia segretaria: aveva da poco avuto un figlio quando mi ha annunciato di essere di nuovo incinta. Ma nelle sue parole ho colto un tono di preoccupazione, come se stesse vivendo la nuova gravidanza come un disagio, un intralcio con la sua vita professionale. Perché un evento lieto deve essere percepito così? Da lì ho capito che il problema era più generale ed è nata l’idea di offrire un incentivo a chiunque decide di fare figli». Il meccanismo non riguarda solo lo staff della Eurointerim (vale a dire il personale che lavora nelle varie filiali sparse per l’Italia, la maggioranza costituita da donne) ma anche tutti i lavoratori interinali che l’azienda colloca via via nelle imprese: basta un mese di lavoro e il diritto è subito maturato.
«Sono convinto – aggiunge Sposato – che un’azienda debba tendere la mano ai suoi dipendenti: se il lavoratore sente di essere aiutato, migliora anche la qualità del lavoro. Mi rendo conto che per realtà molto piccole questo possa rappresentare un onere ma per chi ha dimensioni adeguate non deve essere così. L’obiettivo deve essere quello di aiutare le famiglie a conciliare i tempi di casa e di lavoro e arrivare a un miglioramento tanto del clima domestico che di quello aziendale». (Il Corriere della Sera)

output_tqy8p1

output_yJ10wl

modal gif

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Dall'Italia e dal Mondo

iniezione

Si inietta succo di frutta direttamente nelle vene, 51enne rischia di morire

Una donna di 51 anni ha pensato di ricorrere a un metodo decisamente alternativo di assumere vitamine, iniettandosi direttamente nelle […]

Il bus di linea dato alle fiamme a Milano, 20 marzo 2019.
ANSA/DANIELE BENNATI

Sequestra bus e gli dà fuoco, a bordo 51 studenti in gita

San Donato Milanese. L’autista di un bus è stato fermato dai carabinieri dopo che aveva versato benzina all’interno del mezzo […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada