APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Studenti Medicina Unisa tra i più preparati d’Italia Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

Unisa-Festeggia-10-Anni-della-Facolta-di-Medicina

Gli studenti di Medicina dell’Università di Salerno sono tra i più preparati d’Italia.  Lo rileva lo studio condotto dall’Associazione Liberi Specializzandi i cui dati sono stati pubblicati in queste ore.

Prendendo ad esame la recente prova sostenuta dai laureati per l’ingresso nelle scuole di specializzazione in Medicina,l’Associazione ha stilato una classifica basata sul voto medio dei candidati a livello nazionale.

Dalla classifica emerge che i voti più alti sono stati conseguiti dai giovani candidati delle Università del nord e del centro dell’Italia; al sud, invece, si trovano la maggior parte degli atenei i cui allievi hanno avuto voti più bassi della media. Unica eccezione tra le realtà meridionali è l’Università di Salerno.

Con un punteggio del 92.67 (contro l’86.03 della media nazionale), gli studenti Unisa sono al quinto posto in Italia in termini di migliore performance ai test di accesso alle scuole di specializzazione di area medica.

Prima dell’Università di Salerno in ordine di classifica ci sono le due università private: Vita-Salute del San Raffaele di Milano e Campus Biomedico di Roma e le statali di Udine, Verona, Milano e Milano-Bicocca.

La ricerca dell’Associazione Liberi specializzandi si basa sull’analisi delle votazioni, incrociando i punteggi pubblicati nella graduatoria generale dell’esame e i luoghi di laurea dei candidati, che sono disponibili negli albi degli ordini dei medici.

Soddisfatti di questo nuovo risultato dei nostri studenti di Medicina – commenta il rettore Aurelio Tommasetti. La nostra Università, quando viene valutata sulla base del merito, riesce sempre a distinguersi. In questa classifica siamo tra le prime cinque università statati d’Italia, e gli atenei che ci precedono sono tutti collocati al nord. Questo nuovo risultato, unito a quello che ha visto qualche giorno fa il nostro Ateneo rientrare tra le 12 università di maggiore preferenza da parte degli studenti vincitori ai test di accesso a Medicina, è una conferma di come venga positivamente percepita la qualità della ricerca e della didattica erogata dal nostro polo di area medica, in un campus interramento dedicato a Baronissi” – conclude il rettore.

modal gif

Webp.net-gifmaker (1)

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

botteghe autore

logo_bcc_buccinocomunicilentani_logobordo-02

Cultura

Schermata 2018-10-13 alle 11.19.39

Museo Paestum: depositi aperti in maniera stabile

Capaccio Paestum. “La fruizione da parte del pubblico può essere anche risolutiva per la conservazione dei depositi”. E’ questa la […]

(ANSA) - CAMEROTA (SALERNO), 12 OTT - Una collana in pasta vitrea risalente all'età del Bronzo finale: sarebbe il primo ritrovamento del genere in Campania. E' quanto hanno scoperto i ricercatori dell'Università di Siena presso la  "Grotta della Cala", nel Comune di Camerota, in Cilento.
   La scoperta è avvenuta durante la campagna di scavo avviata lo scorso otto ottobre dai ricercatori dell'Unità di Ricerca di Preistoria e Antropologia del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell'Ambiente dell'università di Siena, in collaborazione con la Soprintendenza di Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Provincie di Salerno e Avellino e con il sostegno dell'amministrazione comunale di Camerota. Al centro dello scavo, come avviene ormai da anni, la "Grotta della Cala", sito preistorico di importanza internazionale noto soprattutto per le sue evidenze paleolitiche. I resti della collana, risalente al periodo del Bronzo finale, realizzata in pasta vitrea e ambra, sono stati rinvenuti nella camera più interna della cavità, accanto a frammenti di ceramica e a resti umani. Finora sono state recuperate più di venti perle, ma con il proseguimento dello scavo i ricercatori si attendono ulteriori rinvenimenti.
   La scoperta è di grande interesse, poiché alcune perle della collana sono riconducibili per tipologia a quelle provenienti dall'abitato di Frattesina (XII-XI secolo a.C.) e permettono di attribuire l'intero contesto all'età del Bronzo Finale, finora non segnalato alla "Grotta della Cala". Si tratterebbe, ad oggi, dell'unico ritrovamento del genere per l'intera regione Campania. "Siamo emozionati per questa sensazionale scoperta - ha commentato l'assessore alla Cultura di Camerota, Teresa Esposito - E' un traguardo importante, che aggiunge un tassello indispensabile per la promozione di questi luoghi incantati". "Il successo che stiamo raccontando oggi - ha aggiunto il sindaco di Camerota, Mario salvatore Scarpitta - è il frutto di un lavoro di squadra, una c

Camerota. Ritrovata collana età del Bronzo nella grotta della Cala

Una collana in pasta vitrea risalente all’età del Bronzo finale: sarebbe il primo ritrovamento del genere in Campania. E’ quanto […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

beauty banner

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada