APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Valva. Portano fiori dove è morto figlio: genitori denunciati Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

rigopiano-73129.660x368

Valva. “In emergenza covid-19 mentre il Paese soffre, lo Stato consente la scarcerazione dei mafiosi al 41 bis e trascina in tribunale me e mia moglie colpevoli di portare i fiori nel luogo in cui è morto nostro figlio a Rigopiano”. Tuona contro lo Stato, la politica e la magistratura, Alessio Feniello, il papà di Stefano, il 28enne di Valva, deceduto insieme ad altre 28 persone, sotto una slavina che distrusse e fece crollare l’hotel Rigopiano di Farindola, in Abruzzo, il 18 gennaio del 2017. Indignazione quella di Feniello che giunge all’indomani della notifica da parte della Procura di Pescara, di ben tre avvisi di conclusione indagini, nei quali lui e la moglie, Maria, sono accusati di violazione dei sigilli di un’area sottoposta a sequestro per essersi recati per ben due volte, tra agosto e settembre dello scorso anno, tra le macerie dell’hotel Rigopiano per deporre dei fiori nel luogo in cui è morto il figlio Stefano. “Non abbiamo violato alcun sigillo e né tantomeno scavalcato cancelli o recinzioni – chiarisce Feniello. Ogni volta che io e mia moglie ci rechiamo a Rigopiano nell’area dell’hotel che è stata bonificata e le cui macerie sono state rimosse, entriamo in un punto in cui l’accesso è privo di barriere tanto che da lì accedono finanche i pastori che fanno pascolare le pecore e i turisti che vanno a scattare le foto nell’area dell’hotel”. Luogo della tragedia che però è ancora sottoposto a sequestro dalla Procura ma di facile accesso a chiunque dunque. “La Magistratura non può impedirmi di depositare un fiore dove mio figlio è stato ammazzato dalla negligenza delle Istituzioni – chiosa Feniello che annuncia – continuerò a recarmi a Rigopiano ogni volta che ne avrò l’esigenza”. Non è la prima volta però, che Feniello finisce al centro di una indagine della Procura per la stessa motivazione. Già tre anni fa infatti, il papà di Stefano venne condannato al pagamento di una multa di 4500 euro per aver depositato i fiori sulle macerie dell’hotel in memoria del figlio, violando i sigilli dell’area sottoposta a sequestro. Multa che Feniello rifiutò di pagare, finendo in tribunale. Ora però, a quella prima “multa del dolore” a cui fece seguito anche lo sconcerto e l’indignazione di numerosi esponenti politici nazionali del centrodestra che dopo le dichiarazioni rilasciate per mesi a carta stampata e tv e la promessa di non lasciare solo papà Feniello nella sua battaglia, a cui non sono mai seguite azioni concrete, il padre di Stefano che per quel procedimento penale sta affrontando un processo che si sta svolgendo presso il Tribunale di Pescara dove nei prossimi mesi verranno ascoltati anche dei testimoni, dovrà rispondere anche di un secondo episodio per lo stesso reato. “Non ho paura del processo – dice – con la morte di mio figlio ho già perso tutto. L’unica cosa che desidero e per la quale continuerò a battermi – conclude papà Feniello – è che i responsabili della morte di mio figlio e di altre 28 persone a Rigopiano, finiscano tutti in galera. Voglio giustizia“- chiosa. Ad oggi però, nonostante un processo in corso sulla tragedia dell’hotel Rigopiano che vede decine di persone indagate, l’unico condannato è Alessio Feniello, colpevole di aver deposto dei fiori nel luogo dove è morto il figlio Stefano a Rigopiano. (fonte Anteprima24)

convergenze

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Cronaca

coronavirus

Covid-19 in Campania: oggi 156 i positivi

Regione Campania. Pubblicato il bollettino ordinario dell’Unità di crisi della Regione Campania. I positivi del giorno sono 156, su 4.310 […]

antonio-marra

Altavilla. Covid-19, domenica effettuati 150 tamponi:fabbrica resta chiusa

Altavilla Silentina. Prosegue lo screening dei dipendenti della fabbrica di trasformazione di prodotti agricoli per la ricerca di contagi da […]

Sele Picentini

120005664_662995784325657_5206872069140664267_o

Morte Peppino Caldarola, sindaco Palomonte:”Era illustre giornalista e politico”

Palomonte. È morto questa mattina al Policlinico Umberto I di Roma, dopo una breve malattia, Peppino Caldarola. Aveva 74 anni […]

MORTE NEONATO ROCCAPIEMONTE

Roccapiemonte, morte neonata: la madre inizia a rispondere alle domande

Roccapiemonte. Due ore: tanto è durata la prima seduta della consulenza psichiatrica su Margherita Galasso, la mamma rocchese indagata perché ritenuta […]

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada