APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Sodalizio criminale furti e ricettazione con centrale ad Eboli: 7 fermi Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

tribunale_vallo

Vasta operazione per una serie di furti aggravati in concorso eseguiti dieci decreti di perquisizione e sette decreti di fermo di indiziato di delitto.

IL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA

Dalle prime  ore di questa  mattina a Battipaglia, Eboli, Pontecagnano e Roccadaspide i carabinieri della Compagnia di Agropoli, in collaborazione con quelli delle Compagnie del Comando Provinciale di Salerno, stanno dando esecuzione a 7 decreti di fermo di indiziato di delitto, emessi da questa Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti stranieri, di nazionalità marocchina , ritenuti responsabili dei reati di “furto aggravato in concorso “.
Nel medesimo contesto sono stati eseguiti 10 decreti di perquisizione locale nei confronti dei destinatari dei provvedimenti restrittivi e di altre persone indagate per “ricettazione.

I decreti scaturiscono da un’indagine supportata anche da attività tecniche, condotta dal dipendente N.O.R. e dalla Stazione di Santa Maria di Castellabate, avviata nel mese di gennaio u.s., che ha consentito di accertare l’esistenza di un sodalizio criminale con base operativa nel comune di Eboli, in località Campolongo e Corno d’Oro, dedito alla commissione di furti ai danni di abitazioni, aziende agricole ed opifici delle province di Salerno Avellino e Potenza , nonché della successiva ricettazione della refurtiva in alcuni comuni della provincia di Napoli, ovvero di documentare le responsabilità degli indagati in ordine a circa 80 furti, commessi – tra il dicembre 2017 e il febbraio 2019- nei comuni di Albanella, Auletta, Buccino, Capaccio Paestum, Casal velino, Castellabate, Felitto, Giffoni Valle Piana, Laureana Cilento, Lioni, Montecorice, Oliveto Citra, Perdifumo, Polla, Pollica, Roccadaspide, Rivello , San Mauro Cilento, Sant’Angelo dei Lombardi , Sicignano degli Alburni e Tramutola e di rinvenire e sottoporre a sequestro varia refurtiva.

LE INDAGINI

L’attività investigativa trae origine da una serie di azione predatorie che, a partire dal mese di dicembre 2017 , sono state consumate tra i comuni di Castellabate e Montecorice data la modalità di esecuzione, nonché la natura dei proventi (attrezzature agricole, utensili da lavoro, elettrodomestici ed olio ) si comprendeva che tali reati erano stati commessi dalla stessa mano, anche perché in diverse occasioni , nella medesima notte, ne venivano perpetrati diversi.

ln alcune circostanze i malfatto per poter trasportare la refurtiva, asportavano anche delle autovetture che successivamente, a poche ore dall’azione predatoria , venivano rinvenute per lo più nella giurisdizione nel comune di Eboli, nelle zone urbane di ”Santa Cecilia” o “Como d’Oro”. L’acquisizione del traffico telefonico sostenuto sulle celle serventi le località colpite dai furti e di quello relativo alle celle in cui venivano rinvenute poi le autovetture asportate e la loro successiva analisi, consentiva di risalire ad una serie di utenze telefoniche che nel contesto investigativo apparivano correlate aHe azioni criminose, tant’è che poi venivano sottoposte ad intercettazione.

LE INTERCETTAZIONI 
Dall’ascolto delle conversazioni captate, venivano acquisiti elementi indizìari a carico dei rispettivi utilizzatori ed anzi aprivano lo scenario investigativo su altri soggetti dii cui venivano intercettate le rispettive utenze telefoniche.
In ogni caso le attività tecniche, unitarnente ai servizi di osservazione controllo e pedinamento dei militari della Compagnia cilentana, consentivano di far emergere una rete criminale che da un lato depredava le zone della provincia di Salerno e anche dell’alta Basilicata (con particolare riferimento a quelle rurali ed isolate) , dall’altra, quella più sottile di ricettare, nel territorio vesuviano, i proventi dei furti. Si comprendeva,  che le azioni predatorie venivano materialmente commesse da 7 persone extracomunitarie (dimoranti tra i comuni di Roccadaspide , Eboli, Pontecagnano e Battipaglia) che poi erano soliti cedere la merce a tre indagati dimoranti nell’hinterland vesuviano (nei comuni di Sant ‘Antonio Abate , Gragnano e Lettere) che si occupavano di piazzarla.

I CORRIERI

In ogni caso le investigazioni hanno fatto emergere che ad operare non si trattava di un unico gruppo coeso bensì di varie frange che effettuavano i furti e poi si rivolgevano ai tre ricettatori (due dei quali cooperavano tra loro, il terzo agiva invece in maniera solitaria) .Una volta ricevuta la refurtiva, questa veniva smistata in prima persona dai ricettatori che in alcune circostanze si avvalevano di altri corrieri per ampliare la possibilità di vendita in maniera repentina.
Infine, nel corso degli accertamenti sono emerse altre figure; comunque corrieri  il cui ruolo era quello di prelevare gli extracomunitari al ritorno dalle azioni predatorie, ovvero di recuperarli , allorquando, scoperti dalle forze dell ‘ordine, si davano alla fuga. In particolare gli extracomunitari non disprezzavano la violenza, tanto che in un ‘occasione nel corso di un raid nel comune di Casal Velino, vistisi scoperti, non esitavano ad aggredire un Sottufficiale dei Carabinieri intervenuto sul posto; la loro inclinazione all’aggressività veniva confermata inoltre dal fatto che in talune circostanze erano state rubate anche delle armi.
Nel corso dell ‘attività intercettiva si appurava l’emissione di numerosi colpi, non solo in danno ai privati cittadini , ma anche di ditte edili e caseifici.

LA REFURTIVA 

Una volta smascherato il modu.s operandi degli indagati si riusciva a recuperare la quasi totalità della refurtiva (tra cui autocarri, escavatori, autovetture, prodotti caseari, utensileria varia, attrezzatura agricola ed armi) che dopo essere stata riconosciuta dai legittimi proprietari veniva loro restituita.
Le principali difficoltà nell ‘espletamento dell ‘attività sono state riscontrate nell ‘identificazione degli stranieri che erano soliti utilizzare sim non a loro intestate, ma grazie alla perseveranza degli investigatori, ai numerosi servizi di riscontro effettuati sul territorio, nonché ali’intreccio dei dati investigativi sul conto dei prevenuti, è stato possibile identificare tutti i componenti della banda, compresi i ricettatori, e disarticolare l’intero gruppo criminale.

 

output_tqy8p1

output_yJ10wl

vocedistrada

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Albanella

scuola-matinella

Albanella. Scuola “Don Milani”:Tar accoglie sospensiva lavori

Albanella. Ricorso gara di appalto lavori di interventi di ristrutturazione, adeguamento sismico e risparmio energetico del plesso scolastico Don Milani […]

pediatra-138404.660x368

Asl Salerno, assistenza pediatrica festivi e prefestivi: ecco dove

L’Asl Salerno ha individuato ed attivato le sedi ambulatoriali presso le quali sarà garantita l’assistenza pediatrica (destinata ai soggetti minori […]

Cilento

marina di camerota

Camerota, abusi edilizi: le opere saranno acquisite dal Parco

Camerota. Abusi edilizi in località Monte di Luna, nella frazione Marina di Camerota: il Parco ordina lo sgombero per procedere […]

camerota blitz vigili mercato

Camerota, rifiuti abbandonati: ambulanti bloccati dai vigili

Camerota. Il comando dei vigili urbani di Camerota, diretto dal Sovrintendente Giovanni Cammarano, è intervenuto nel pomeriggio di oggi, venerdì […]

Cronaca

ambulanza

Salerno, si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

Si è lasciato cadere nel vuoto, scavalcando la ringhiera del balcone di casa al quinto piano di una palazzina in […]

ospedale_eboli

Altavilla, dolore al gomito: medici non si accorgono della frattura

Un dolore al gomito, più volte segnalato ai medici, ma che nessuno ha preso in considerazione. Il paziente, un trentenne […]

Eboli

prostituta

Eboli, controlli prostituzione: multati 3 clienti

Eboli. Prime multe per i clienti delle prostitute lungo il litorale ebolitano. A due giorni dall’ordinanza anti prostituzione emessa dal […]

parcheggi

Eboli, parcheggi litoranea: “Caos, bando ritirato”

Eboli. “Parcheggi in litoranea: gli uffici ritirano il bando e confermano il caos amministrativo. Di Benedetto cosa aspetta a dimettersi?”. I […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada