APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Salerno, studenti e autorità per i funerali delle 26 giovani migranti Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

funerali migranti

Salerno. Oggi, al ciimitero monumentale di Salerno, le esequie delle ventisei giovani migranti recuperate dalla nave spagnola Cantabria attraccata in città lo scorso 5 novembre.

Il rito funebre, al quale è stata invitata la cittadinanza tutta a partecipare, si è svolto nella nella piazza degli Uomini Illustri del cimitero monumentale della città. Sono presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il prefetto Salvatore Malfi, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, oltre alle massime autorità civili e religiose.

Gli studenti della Consulta provinciale hanno deposto, sulle bare, ognuno una rosa bianca. Su quella di Osaro Osato, invece, i fiori sono tre: una rosa bianca e due piccole rose, una rosa e una celeste dal momento che portava in grembo un bimbo ancora troppo piccolo per sapere se fosse maschio o femmina. Sulla bara dell’altra nigeriana riconosciuta, Marian Shaka, invece, è stata adagiata anche una rosa celeste, per ricordare un maschietto che mai nascerà.

C’erano anche i parenti di due delle vittime oggi ai funerali delle 26 migranti che si sono tenuti al cimitero di Salerno. A piangere queste ragazze vi era il marito di Marian Shaka, Sule Shaka e il fratello di Osato Osaro. Il marito di Marian, nigeriana nata il 7 febbraio 1997, non ha voluto parlare. Ha solo detto, a chi gli domandava come stesse: “Come può stare una persona che ha appena perso la moglie?”. La ragazza, tra l’altro, era anche incinta di appena cinque mesi di un maschietto. Era senza lacrime da versare ma con gli occhi spenti e pieni di dolore, il fratello di Osaro. Di lui non si sa il nome ma solo che ha 18 anni e che non ricorda molto di quel tragico sbarco dove è morta la sorella. Non ricorda o non vuole parlare perché troppo terribile da ricordare. Racconta di essere stato in Libia per sei mesi con la sorella, che “quel posto non è bello. Si sparava in continuazione e si uccide anche per delle sciocchezze”. È stato lui ad aver avvisato i genitori della morte della loro figlia, loro che in Nigeria hanno ancora tre figli. Osaro e il fratello volevano rimanere in Italia. Quello era il loro sogno. Per Osaro e per il figlio che portava in grembo, era incinta di neanche due mesi, non sarà più possibile.

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Cronaca

acqua

Asis, nuovo stop erogazione acqua ad Albanella ed altri 27 comuni

Albanella. Anche per questo fine settimana è prevista l’interruzione della fornitura idrica da parte dell’Acquedotto Alto Sele. L’erogazione sarà sospesa […]

chiara e giulia

Nocera Superiore. Travolta da auto, le amputano gamba: amica avvia raccolta fondi

Nocera Superiore. Travolta da un’auto, amputano la gamba alla sua migliore amica: Chiara lancia una raccolta fondi per sostenere la […]

Salerno

download

Salerno. Degrado in via San Giovanni Bosco, strada invasa dai piccioni

Salerno. La presenza di piccioni e colombi in città ha assunto negli ultimi anni dimensioni considerevoli. Il loro sviluppo indiscriminato […]

download

Salerno. Panno S.Matteo torna al Duomo

Salerno. Ritorna restaurato il Panno di San Matteo al Duomo di Salerno. La consegna al parroco don Michele Pecoraro è […]

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada