APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Paestum. Abusi storici Città antica : disposti abbattimenti Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

MANUFATTI AREA ARCHEOLOGICA ABBATTIMENTI 1

Capaccio Paestum. Abusi edilizi storici nel perimetro dell’antica Città di Poseidonia: il Comune ne dispone l’abbattimento. I sopralluoghi, eseguiti dai tecnici comunali unitamente al personale della polizia locale, hanno consentito di accertare che all’interno delle antiche mura di Paestum, presso il sito dove insistevano negli anni due esercizi florovivaistici ora cessati, sono state eseguite opere edilizie abusive. 

LE OPERE ABUSIVE 

Si tratta di una struttura adibita ad abitazione, un chioso rivendita fiori in legno con struttura composta da sei pilastri, una struttura seminterrata in muratura edificata a ridosso della strada e sottostante il chiosco; una tettoia; un fabbricato per abitazione composta da un soggiorno pranzo, una cucina, un disimpegno, tre vani letto, un servizio igienico e un deposito.  Ulteriori opere abusive accertate sono: vasca di raccolta reflui interrata in muratura; tettoia;  un capanno – serra in ferro ormai fatiscente.

Le opere, che sorgono su un’area classificata di interesse archeologico entro le mura di Paestum, sono state eseguite in assenza di titolo abilitativo, pertanto, risultano completamente abusive a partire dal 1976 e fino a tutto il 1998. Per il chiosco a fronte strada ne fu denunciata la sua costruzione abusiva nel 1976,  come da diffida di sospensione lavori da parte della Soprintendenza del 1976. L’abitazione è stata costruita nel 1979 e disposta la demolizione nel 1980 e poi nel 1987. Provvedimenti di fatto,  non eseguiti. Si tratta di opere non suscettibili di sanatoria, in quanto situate in un’area classificata come inedificabile, dove non sono ammesse nuove costruzioni (Legge 1957/220). Lo stesso Prg dispone l’abbattimento per << le costruzioni a carattere precario, baracche, edicole e simili>>. Nell’ordinanza << ritenuto che non è più possibile tollerare l’ulteriore permanenza delle opere abusive>>, si ordina all’esecutore delle opere e ai proprietari del terreno dove le stesse insistono << nel termine di 90 giorni di demolire le intere opere realizzate abusivamente in uno con il ripristino dello stato dei luoghi>>. Con diffida che << in mancanza il bene e l’area di sedime, nonché quella necessaria, alla realizzazione di opere analoghe a quella abusiva, sono acquisite di diritto gratuitamente al patrimonio del Comune, e si procederà alla demolizione di ufficio con il recupero della spesa carico del responsabile dell’abuso>>. Inoltre,  in caso di inottemperanza entro i termini imposti dall’ordinanza, sarà irrogata dall’ente una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso tra 2000 a 20.000 euro, salva l’applicazione di altre misure e sanzioni previste.

Il fenomeno dell’abusivismo è una delle problematiche che affligge l’area archeologica ormai da decenni.

Il fenomeno ha subito un incremento a partire dagli anni Settanta, quando le costruzioni fuori legge erano poco meno di 300,  nel ‘76 arrivarono a 850.  Agli inizi degli anni Ottanta il numero delle costruzioni illegali  è arrivato a mille, tutto intorno all’antica città di Poseidonia, per oltre 500.000 metri cubi. Costruzioni realizzate fino a 200 metri dalle mura, pozzi neri scavati a pochi metri da quelli per l’acqua potabile. A sessant’anni di distanza nulla o quasi è cambiato. Ed ora l’abusivismo edilizio è diventato anche un problema sociale.

 

modal gif

banner-trattoria-angela-sito

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

animazione voe di strada - contadina 2

botteghe autore

banner_casasmart_220x180

Ambiente

massimo cariello

Eboli, tavolo tecnico rifiuti: “Intesa su riduzione quantitativi”

Dichiarazione del sindaco di Eboli, Massimo Cariello, al termine del tavolo tecnico sui rifiuti di questa mattina: «Il tavolo tecnico su rifiuti ed impianti tenutosi questa mattina ha accolto la nostra idea di ridurre da 55mila a […]

comitato no rifiuti eboli

Piana del Sele, impianto trattamento rifiuti: Comitati scrivono Regione

Piana del Sele. Impianto rattamento rifiuti: i comitati “Eboli dice no” e “Valle del Sele” intervengono scrivendo ai sindaci di Eboli […]

Capaccio

scrutatori

Capaccio, nominati scrutatori 2018

Capaccio Paestum. Ecco l’elenco degli scrutatori per le elezioni politiche 2018. Sezione 1 – CAPACCIO CAPOLUOGO: SCARIATI ANNAMARIA, PETILLO MARIAROSARIA, GRATTACASO CHIARA, DI […]

bcc_atm_millumino

Bcc Capaccio Paestum aderisce a “M’illumino di meno”

Capaccio Paestum. Venerdì 23 febbraio ore 18:30 evento presso la sede centrale della BCC di Capaccio Paestum a Capaccio scalo. Due […]

Cronaca

piano di zona s6

Pdz S7, Tar:”Legittima revoca autorizzazione cooperatica Girasole”

È legittima la revoca da parte dell’ufficio del Piano di Zona Ambito S7 nei confronti della cooperativa “Il Girasole” dell’autorizzazione […]

ospedale_eboli

Eboli, colpita da infarto muore in parafarmacia

Eboli. Colpita da infarto, muore in farmacia. Vittima della tragedia è Diana Di Biase, 37enne di Eboli nota per aver […]

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

beauty banner

output_fieBuC

Webp.net-gifmaker

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-edicola-laura

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

ceramiche-ruggiero-banner

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada