APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Napoli. Era ricercato per traffico droga, arrestato Claudio Scuotto Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

claudio scuotto

Napoli. Si trovava in Venezuela, il 27 aprile scorso, quando era scattata l’operazione “Positano 2014” eseguita dal Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli e che ha portato all’arresto di 29 persone, smantellando di fatto quella che, al momento, costitutiva sicuramente la più pericolosa organizzazione di narcotrafficanti operante in Campania, gestita dal clan torrese dei “Tamarisco”. A fronte delle schiaccianti accuse formulate a suo carico dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, pronte per essere trasfuse in un mandato di cattura internazionale, Claudio Scuotto (cl. ‘75) ha deciso di rientrare subito in Italia per consegnarsi spontaneamente nelle mani degli inquirenti. La scorsa domenica sera, al suo arrivo presso l’aeroporto di Capodichino proveniente da Caracas, lo attendevano i finanzieri del Gico i quali, dopo la notifica dell’ordinanza di custodia cautelare alla presenza del suo legale di fiducia, hanno associato Scuotto alla Casa Circondariale di Secondigliano, mettendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Secondo quanto emerso dalle indagini svolte dalla Sezione Antidroga delle Fiamme Gialle, Scuotto Claudio, unitamente al cugino Davide – anch’egli arrestato nel corso della medesima operazione – costituiva una figura apicale all’interno dell’organizzazione guidata da Tamarisco Bernardo e dal cognato Langiano Vincenzo, per i quali fungeva da longa manus nella realizzazione di ingenti importazioni di cocaina dall’Ecuador. La perfetta conoscenza dei luoghi e la pregressa esperienza criminale maturata nel settore gli consentivano, infatti, di muoversi con estrema disinvoltura negli ambienti del narcotraffico sudamericano, riuscendo così a intavolare importanti trattative per l’acquisto di ingenti partite di cocaina con i cartelli fornitori, anche grazie alla preziosa opera di intermediazione del broker Iavarone Salvatore. Vero e proprio “figlio d’arte”, (il padre, Scuotto Giuseppe, era stato ucciso nel 2000 in corso Novara a Napoli nell’ambito di una guerra intestina al clan Contini, di cui era uno dei più fidati luogotenenti, quale “capozona” del quartiere Vasto a Napoli), da circa un anno Scuotto Claudio si era allontanato dall’Italia, facendo perdere le proprie tracce.

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Cronaca

concessioni edilizie e abbattimenti

Camerota, abusi nel Parco: ordinata demolizione

Camerota. Il raggruppamento carabinieri parchi, comando stazione di San Giovanni a Piro, ha accertato la realizzazione di abusi edilizi in […]

rissa-aggressione

Rissa in Spagna, torna libero studente salernitano

Salerno. E’ stato liberato lo studente salernitano, N.I, di 21 anni che, nella giornata di ieri, era stato arrestato insieme […]

Napoli

immigrati

Napoli, permessi soggiorno a pagamenti: 7 arresti, anche poliziotti

Sette persone, tra cui un poliziotto ancora in servizio nell’ufficio immigrazione della Questura di Napoli e un altro in pensione, […]

gdf

Napoli. Estorsioni mercato fiori: ai domiciliari anche battipagliese

Napoli. In data odierna, i militari dei gruppi dei carabinieri e della guardia di finanza di Torre Annunziata hanno eseguito […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada