APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Morte studentessa Unina, nessun esame in 4 anni Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

universita-monte-sant-angelo-napoli-650x345

Napoli. Il mondo di Giada non esisteva. Il mondo che lei assicurava ai genitori di frequentare, quello che raccontava agli amici, quello che fingeva di condividere con il fidanzato. Niente era vero. Non solo non esisteva la laurea, non esisteva nemmeno qualche esame superato, perfino l’università non esisteva. Tutto costruito da lei nella rappresentazione di una realtà alla quale evidentemente si sentiva obbligata pur se non le apparteneva. L’unica verità Giada l’ha detta lunedì al fidanzato un attimo prima di lanciarsi dal terrazzo della facoltà di Scienze naturali nella cittadella universitaria di Monte Sant’Angelo. Lui l’ha chiamata al cellulare perché non riusciva più a trovarla e lei gli ha risposto. «Sono qui, alza la testa, mi vedi?». E l’ha vista. L’ha vista lasciarsi cadere nel vuoto, l’ha vista morire.

Silenzio fino all’ultimo
Fino all’ultimo Giada non ha chiesto aiuto. Il motivo per il quale ha scelto di rispondere al cellulare pure se ormai era a cinquanta centimetri dalla fine non lo saprà mai nessuno, come nessuno saprà mai il perché di quella recita costruita nei dettagli. Non solo aveva raccontato ai genitori, al fratello, al fidanzato e a parenti e amici che stava per laurearsi, ma aveva voluto che tutto, proprio tutto, fosse come quando ci si laurea davvero. Anzi di più, perché le bomboniere ormai non sempre si fanno, e invece lei era andata a sceglierle; pure il pranzo al ristorante non è una abitudine proprio irrinunciabile, ma lei diceva di tenerci, e il papà aveva già prenotato e gli invitati erano stati avvertiti. E poi il tailleur, il parrucchiere e tutte quelle cose che ci si porta dietro per festeggiare dopo la proclamazione.

La rinuncia alla lotta
Nella finzione che Giada aveva messo in piedi, nemmeno il luogo dove tutto è avvenuto aveva un legame con la sua storia di non studentessa universitaria e quindi di non laureanda. Giada era stata iscritta alla facoltà di Farmacia per tre anni di seguito, pur senza dare esami. E però quest’estate aveva deciso di non andarci neppure in segreteria a presentare i documenti e pagare le tasse inutilmente per la quarta volta. Negli elenchi degli studenti della Federico II per l’anno accademico 2017-2018 il nome di Giada non c’è. E comunque lì a Monte Sant’Angelo, dove lunedì c’erano effettivamente le sedute di laurea, non aveva mai messo piede, perché la facoltà di Farmacia è altrove. I ragazzi che avrebbero dovuto discutere la tesi l’altro giorno (qualcuno lo ha anche fatto, ma poi tutto è stato sospeso e ovviamente non c’è stata nessuna proclamazione), sarebbero diventati dottori in Scienze naturali.

La chiamata del fidanzato
Ma anche la cittadella universitaria faceva parte della sceneggiatura che questa ragazza di 25 anni della provincia di Isernia ha scritto dentro di sé per andarsene dal mondo. Le aule e i corridoi di Scienze, e poi le scale e il terrazzo ne erano la location. Giada aveva pianificato ogni dettaglio. Forse solo la telefonata del fidanzato era fuori copione. O magari no. Tanto che cambia? Quello che veramente lei coltivava nella sua mente non potrà saperlo mai nessuno. Il papà, un maresciallo dei carabinieri in pensione, si tormenta e si accusa di non aver capito, ma nessuno ha capito, nemmeno il fidanzato, che faceva progetti di matrimonio e lunedì aveva fatto venire da Roma pure il suo papà, perché insomma erano tutti una famiglia. Una famiglia distrutta che oggi riporterà Giada a casa (il magistrato ha scelto di non far fare l’autopsia) e domani le dirà addio nella chiesa del paese. Ci saranno tutti perché è un paese dove tutti si conoscono, e dove nessuno giudica l’atto disperato di una ragazza, dice il sindaco, «di cui conoscevamo il sorriso dolcissimo ma non immaginavamo la fragilità». (Il Corriere della Sera)

modal gif

banner-trattoria-angela-sito

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

animazione voe di strada - contadina 2

botteghe autore

banner_casasmart_220x180

Cronaca

antonietta iuliano

Castel S.Lorenzo, quota rosa: giunta propone Iuliano

Castel San Lorenzo. Si avvia verso la risoluzione la questione della quota rosa nella giunta comunale di Castel San Lorenzo. […]

azienda sequestrata altavilla

Altavilla, azienda zootecnica “illegale”: sequestro e due denunce

Altavilla Silentina. Continuano i controlli sul territorio da parte dei carabinieri della stazione di Borgo Carillia, guidati dal maresciallo Vittorio […]

Napoli

La droga sequestrata, 800 kg di hashish, dai Carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania, in seguito ad una vasta operazione conclusa all'alba, Napoli,  24 Ottobre 2017. In manette, con l'accusa di traffico internazionale di stupefacenti sono finite quattro persone di Villaricca (Napoli). ANSA/CESARE ABBATE

Droga, 25 arresti nel napoletano

Venticinque persone sono state arrestate dai carabinieri in un’operazione antidroga nel Napoletano. E’ stato smantellato un mercato di sostanze stupefacenti […]

opificio

Napoli sequestrato opificio e abbigliamento sportivo: nei guai 3 persone

Napoli. Nel quadro della quotidiana attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, a cura del comando provinciale […]

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

beauty banner

output_fieBuC

Webp.net-gifmaker

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

ceramiche-ruggiero-banner

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada