APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Maiori, si fa intestare case da 90enne: sequestrati immobili a medico Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

Finanza_grande

Maiori. Questa mattina i militari del Nucleo di Polizia tributaria e della Sezione di Polizia giudiziaria della guardia di finanza presso la Procura di Salerno hanno sequestrato due immobili di valore nel comune di Maiori intestati ad un noto medico del posto, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo disposto in data 20 marzo 2017 dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Salerno, che ha accolto la richiesta della Procura. Il destinatario del provvedimento cautelare reale è accusato di circonvenzione di incapace e appropriazione indebita per essersi impossessato dei due immobili approfittando dello stato di infermità psichica di un’anziana 90enne, successivamente deceduta, all’epoca dei fatti incapace di intendere e di volere in quanto affetta da patologia neurologica. All’indagato era stato richiesto dai parenti della donna di assistere la loro congiunta, in quanto, non avendo figli, viveva da sola a Maiori e non aveva altri parenti in grado di accudirla in loco. Il medico, avvalendosi anche della complicità di altri, tra i quali un notaio dell’Agro nocerino-sarnese, era riuscito a farsi nominare dalla donna erede universale estromettendo dall’asse ereditario tutti gli eredi legittimi. Le indagini, avviate in seguito alla denuncia sporta da una nipote della donna, hanno consentito di acquisire fonti di prova decisive e di ricostruire minuziosamente le condotte poste in essere dal sanitario finalizzare a circonvenire l’anziana donna e ad impossessarsi dell’intero patrimonio lasciato dalla stessa. In particolare, mediante l’acquisizione di dichiarazioni e documentazione, la guardia di finanza ha accertato che la persona offesa, alla data in cui risultava essere stato rogato il testamento pubblico in favore del medico, era incapace di intendere e di volere. Una circostanza di grande rilievo era costituita dal fatto che due notai, a cui il medico aveva richiesto in precedenza di redigere il testamento pubblico della donna in suo favore, si erano rifiutati di raccogliere le volontà testamentarie della stessa. Uno di loro, dopo aver visitato personalmente l’anziana signora a casa sua, aveva rifiutato di rogare l’atto ritenendo che la donna non fosse in condizione di dettare le sue ultime volontà. Il notaio dell’Agro nocerino-sarnese, che ha redatto il testamento pubblico, è accusato di falso in atto pubblico per aver rogato l’atto, il 16 luglio 2015, attestando falsamente di aver ricevuto le ultime volontà della donna la quale, come detto, all’epoca del fatto era incapace di intendere e di volere.

modal gif

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

botteghe autore

bcc-bolloauto-box-300x250

Sponsor-Vds-2

Cronaca

ambulanza

Montecorvino, tir si ribalta: ferito conducente

Montecorvino Rovella. Incidente nella mattinata di oggi nella frazione Macchia di Montecorvino Rovella. Un camionista ha perso il controllo del […]

consiglio provinciale12

Consiglio provinciale Salerno: ecco tutti i candidati

Salerno. Sono in totale 8 le liste presentate in Provincia per il rinnovo del consiglio. Le elezioni sono fissate per […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada