La tragica sorte dei bufalotti uccisi: ultimo rinvenimento ad Albanella |

APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

La tragica sorte dei bufalotti uccisi: ultimo rinvenimento ad Albanella Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

vitellino morto

Uccisi barbaramente, spesso legati e lasciati a morire, scaricati nei fiumi e nei corsi d’acqua in genere. E’ il destino dei capi bufalini la cui colpa è quella di essere nati maschi, non produttori di latte, e quindi non utili ai fini commerciali.

L’ultimo rinvenimento è avvenuto sul territorio comunale di Albanella (nella foto) da parte di un residente che ha postato la foto sul suo profilo Fb. Solo l’ultimo della serie. Qualche tempo fa una vera mattanza fu compiuta  in località Cannito a Capaccio, dove furono rinvenuti 12 capi bufalini.

ALLA BASE DELLE UCCISIONI SOLO FINI ECONOMICI

L’uccisione dei bufalotti da parte di allevatori senza scrupoli ha finalità economiche. L’allevatore non riesce ad ottenere nessun reddito e alimentarlo fino all’età adulta, ha un costo molto elevato. Il mancato guadagno spinge alcuni allevatori a disfarsi dei vitellini maschi spesso in modo cruento. La maniera più facile è scaraventarli nei corsi d’acqua. Per essere sicuri che gli sventurati animali muoiono legano le zampe impedendo loro ogni possibile movimento. Una pratica purtroppo confermata dai tanti rinvenimenti effettuati nei fiumi della Piana del Sele dove tanti animali sono stati ritrovati con un cappio al collo, utilizzato per trascinarli sulla sponda del fiume per poi lanciarli in acqua ancora vivi.

I CONTROLLI DEL SERVIZIO VETERINARIO

I controlli del servizio veterinario in questi ultimi anni, al fine di contrastare il fenomeno dell’abbandono e uccisione di capi bufalini maschi, sono molto ferrei e soprattutto nella Piana del Sele si sono ulteriormente intensificati. E sono diminuiti i casi di scarico abusivo degli animali nei fiumi, nei canali e corsi d’acqua in genere.  E questo perché i veterinari addetti ai controlli procedono  con i prelievi del sangue degli animali morti per il recupero del dna. Un elemento importantissimo che consente di risalire alla bufala, (e anche al toro che ha montato la bufala)  che ha partorito quel vitellino e “incastrare” l’allevatore che si è disfatto dell’animale. Solitamente gli animali vengono abbandonati non molto lontano dalle aziende. Nel caso di carcasse rinvenute in acqua vengono controllate tutte le stalle che insistono lungo il fiume. Gli allevatori  rischiano di essere denunciati penalmente. La nuova normativa per il maltrattamento animali prevede il carcere.  

IL 70% DEI NUOVI CAPI SONO MASCHI NON PRODUTTIVI

In un allevamento, mediamente, una bufala partorisce una volta all’anno, il 70% dei capi sono dei maschi, raramente la percentuale è del 50%. Pertanto, in un allevamento di 200 bufale nascono 140  maschi non produttivi. Appena nati vengono immatricolati e se l’allevatore segue la procedura legale, il vitellino viene portato al macello non prima però che siano trascorsi 10 giorni durante i quali, come prevede la normativa per il benessere animale, va alimentato. Prima non possono essere allontanati dalla stalla, bisogna attendere l’essiccazione del cordone ombelicale. Un vitellino consuma circa 4 litri di latte al giorno per un costo di circa 5 euro. L’alimentazione prima del macello ha, quindi, un costo di circa 50 euro più 5 euro per immatricolazione e registrazione nella banca dati. Moltiplicato questo costo per 140 capi nati in un anno, si arriva ad una spesa di 7.700 euro annui in un allevamento di 200 bufale.

BUFALOTTI USATI PER ALIMENTAZIONE NON UMANA

I capi bufalini che vengono macellati non vengono utilizzati per l’alimentazione umana ma sono destinati alla realizzazione di mangime per cani e gatti. La carne non è “matura” per il consumo umano. Il disciplinare prevede che il capo prima della macellazione debba raggiungere l’età adulta che comporta per gli allevatori dei costi. Quasi tutti decidono per la macellazione anche perché, per fare un esempio, affinché un bovino raggiunga il peso di 5 quintali occorre un anno e mezzo, due anni nel caso del capo bufalino. Se dal bovino si ricavano su cinque, tre quintali di carne, da un capo bufalino poco più di due quintali.

METODI DI SOPPRESSIONE ATROCI

I modi di soppressione dei capi sono in molti casi davvero atroci. I maschi appena nati vengono lasciati morire di fame dopo essere stati allontanati dalla madre, buttati nei corsi d’acqua e a volte giungono sulla spiaggia, soffocati con la paglia in gola, sotterrati vivi, buttati nella fossa del letame. 

modal gif

banner-trattoria-angela-sito

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Box Idrostrade 1

botteghe autore

logo_bcc_buccinocomunicilentani_logobordo-02

Albanella

stefano veronica

Albanella, “Amore mio, mi manchi tanto”: il messaggio di Stefano alla fidanzata in ospedale

Albanella. “Amore mio, mi manchi tanto. Quanto pagherei per esserti vicino, coccolarti e abbracciarti forte”. Inizia così il messaggio che […]

buche

Albanella, voragini in strada: scoppia la protesta

Albanella. Voragini lungo le strade di Albanella. Sono due i tratti pericolosi segnalati dai cittadini alla nostra redazione. Sul manto […]

Ambiente

volontari

Eboli, Comune e volontari ripuliscono litorale

Eboli. Pulizia lungo la Litoranea ad opera del Comune e di alcuni volontari. Prosegue l’azione di salvaguardia della fascia costiera […]

lezioni ambientali

Capaccio, al via lezioni educazione ambientale in spiaggia

Capaccio Paestum. Sono partite oggi le lezioni di educazione ambientale in spiaggia, organizzate dall’associazione GeoTrek in collaborazione con il Comune. […]

Cronaca

insalata di riso

Vietri, intossicati dall’insalata di riso: famiglia in ospedale

Hanno cominciato ad accusare forti dolori allo stomaco tanto da dover sollecitate l’intervento del 118: è finita con una corsa […]

ospedale_eboli

Eboli, scontro tra auto: tre feriti

Eboli. Paura questo pomeriggio a Eboli, in località Santa Cecilia: due auto, per cause ancora da accertare, si sono scontrate. […]

Piana del Sele

antonella emilynrose

Incidente in Puglia: muoiono madre e figlia originarie di Campagna

Campagna. Tragico incidente sulla provinciale Noicattaro-Casamassima in Puglia. A perdere la vita nello scontro tra un auto e un camion […]

STATUA VANDALIZZATA

Campagna. Statua Cristo vandalizzata: tranciato braccio

Atti vandalici nei confronti di una statua del Sacro Cuore di Gesù. È quanto è accaduto lungo la provinciale Galdo, […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

beauty banner

output_fieBuC

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada