APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Ispani, cani impiccati: denunciato uomo Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

CARABINIERI

Ispani. Mentre accudiva i suoi cani, in località Torre Normanna nella località di Capitello, una donna, un tecnico veterinario, ha sentito dei lamenti provenire dal terreno vicino. Ha subito scavalcato la recinzione e raggiunto la baracca da cui provenivano i guaiti e si è trovata davanti a una scena agghiacciante. Due cani impiccati, uno già morto per asfissia e l’altro che cercava di liberarsi mentre agonizzava. La donna è riuscita a liberare e mettere in salvo quest’ultimo e ha avvisato subito i carabinieri.

Dalle indagini è stato appurato che i due cani sono di proprietà di un uomo che vive in una casa poco distante dal luogo di ritrovamento degli animali che è stato denunciato dai carabinieri per maltrattamento e uccisione di animali. In base al nostro Codice Penale, l’uomo rischia fino a 2 anni di carcere che però, anche in caso di condanna, potrebbe non fare mai.

Questo è il grave difetto delle leggi attualmente in vigore contro i reati sugli animali”, commenta Piera Rosati – Presidente Lega Nazionale Difesa Cane Animal Protection. “Sono decisamente troppo blande e le pene non sono adeguate a punire in maniera adeguata chi si macchia di questi crimini. Una vita è stata spezzata e un’altra segnata per sempre da un trauma impossibile da superare, ma la persona responsabile di tutta questa sofferenza potrebbe non scontare nemmeno un giorno di galera se è incensurata o grazie a riti abbreviati o altri cavilli”.

Bisogna fare giustizia. È ora che il nostro Stato si doti di leggi che tutelino veramente tutti gli esseri viventi e senzienti e che puniscano davvero chi fa loro del male. Anche perché è ormai ampiamente dimostrato che questi soggetti sono pericolosi per la società dato che la crudeltà sugli animali è quasi sempre legata anche a comportamenti violenti verso le altre persone. Abbiamo lanciato una petizione per chiedere non solo pene più severe ma anche percorsi educativi che permettano alle persone, soprattutto le più giovani, di capire che la vita va rispettata. Sempre”, conclude Rosati.

marco polo appalti 1

CISL FP BANNER

convergenze

banner bbc aquara sito

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Cilento

cimitero Castellabate

Castellabate, nuovi loculi: ok ampliamento cimitero

Castellabate. Proseguono gli interventi di ampliamento del cimitero di Castellabate grazie al progetto che prevede la realizzazione di nuovi loculi […]

torchiara

Torchiara, oggi funerali prima vittima Covid

Torchiara. Si terrà questo pomeriggio alle 17 la benedizione della salma della prima vittima Covid a Torchiara. Si tratta di Jose […]

Cronaca

Progetto senza titolo-6

Capaccio, auto finisce in bilico nel canale

Capaccio Paestum. Incidente stradale, questo pomeriggio, lungo Viale della Repubblica. Un’autovettura é finita fuori  strada, rimanendo  in bilico sul canale […]

coronavirus

Campania, bollettino Covid: 1.912 positivi

Campania. COVID-19, IL BOLLETTINO ORDINARIO DELL’UNITÀ DI CRISI DELLA REGIONE CAMPANIA. Questo il bollettino di oggi: (dati aggiornati alle 23.59 […]

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada