APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

[VIDEO] Capaccio, templi e abusi: sessant’anni di omissioni Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

Capaccio Paestum. Quasi sessanta anni di abusi edilizi, che persistono nell’indifferenza delle istituzioni, e di chi è addetto alla tutela di beni classificati patrimonio Unesco. Sessanta anni e nulla è stato fatto, se non qualche abbattimento sporadico. E, questo nonostante le migliaia di ordinanze emesse nel corso degli anni e la legge di tutela Zanotti Bianco del 1957, che stabilisce una zona di rispetto inedificabile per un raggio di un chilometro intorno alle mura della città antica di Poseidonia.

Ordinanze inottemperate, come quella emessa nel 2005, nei confronti dei familiari del sindaco Italo Voza, per la demolizione di opere realizzate nell’ambito del complesso immobiliare Nettuno che, recentemente, ha portato all’avvio di un processo per il sindaco, sua moglie Maria Giuseppa Pisani e il tecnico comunale, Vincenzo Criscuolo. Eppure del fenomeno se ne discute da oltre sessanta anni anche sulla stampa nazionale. Da alcuni articoli degli anni Settanta e Ottanta, a firma di Antonio Cederna, del Corriere della sera emerge la problematica in tutta la sua drammaticità. “Il cemento assedia i templi di Paestum” ( 16 novembre del 1976); “Chi rovina le rovine di Paestum” ( 27 luglio del 1977); “A Paestum il cemento sta seppellendo tutto” (15 novembre 1980): sono solo alcuni dei titoli degli articoli dell’epoca, che dimostrano quanto già allora, l’abusivismo edilizio si stesse consolidando.

Il fenomeno ha subito un incremento a partire dagli anni Settanta, quando le costruzioni fuori legge erano poco meno di 300, nel ‘76 arrivarono a 850, agli inizi degli anni Ottanta più di mille. Nel 1976 il sindaco Luigi Gorga intraprese un’azione coraggiosa e ingaggiò ditte per l’abbattimento di alcuni abusi, ma le stesse intimorite si dichiararono impossibilitate ad intervenire. Chiese anche l’invio di soldati al ministero della Difesa per presidiare i cantieri, e riuscì a demolire, tra mille difficoltà, una ventina di costruzioni alcune dovettero essere abbattute tre volte perché di notte venivano ricostruite. Agli inizi degli anni Ottanta il numero delle costruzioni è arrivato a mille, tutto intorno all’antica città di Poseidonia, per oltre 500.000 metri cubi. Costruzioni realizzate fino a 200 metri dalle mura, pozzi neri scavati a pochi metri da quelli per l’acqua potabile. I prezzi per i terreni lievitano e vengono venduti dai proprietari ad un prezzo fino a venti volte superiore di quello originario, da 1500 a 30.000 lire al metro quadrato a napoletani e salernitani, soprattutto nelle contrade di Licinella, Ponte di Ferro e Santa Venere. E negli anni Ottanta l’abusivismo sfrenato portò anche all’arresto di 14 amministratori, tra cui due sindaci e l’intera commissione edilizia, il sequestro di diversi cantieri abusivi e delle pratiche di mille licenze edilizie. Insomma un vero saccheggio del territorio continuato negli anni anche con costruzioni sul demanio costiero e nella fascia pinetata, che hanno riguardato pure complessi turistici.

A 60 anni di distanza nulla o quasi è cambiato. Ed ora l’abusivismo edilizio è diventato anche un problema sociale: non è così facile abbattere delle case dove la gente vive da decenni, aziende o strutture turistiche e ricettive. Un fenomeno che va affrontato a tutela di un patrimonio inestimabile, come sottolinea il direttore del Parco archeologico Gabriel Zuchriegel. “Gli abusi, così come tutte le cose – afferma Zuchriegel – hanno un inizio e devono avere una fine. E’ una problematica che non riguarda solo Paestum ma tutta Italia ed altre zone del mondo. A Paestum abbiamo un patrimonio singolare e dobbiamo stare attenti a non rovinarlo con strutture ed interessi privati. Il problema non sono solo le norme e leggi, che devono essere applicate, ma è anche una questione culturale. Dobbiamo essere coscienti di quello che succede ed iniziare un confronto, una discussione per poi gestire il problema e decidere come procedere con gli abbattimenti e quali strutture demolire”.

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Capaccio

concessioni edilizie e abbattimenti

Capaccio, opere abusive: ordinati abbattimenti e ripristino stato luoghi

Capaccio Paestum. Opere abusive sul territorio: ordinati gli abbattimenti e il ripristino dello stato dei luoghi. Sono diversi gli interventi […]

ambulanza

Capaccio piange Salvatore Sanfilippo: stroncato da malore

Capaccio Paestum piange Salvatore Sanfilippo, 60 anni, proprietario del Punto Euronics. L’uomo è stato stroncato da un malore, proprio nei […]

Cronaca

ospedale_eboli

Eboli. Colpito alla testa panettiere a Santa Cecilia

Brutta avventura per un panettiere ieri sera ad Eboli. Il commerciante mentre stava per chiudere la sua panetteria, a Santa […]

Ruggi-Salerno

Salerno, derubava pazienti al Ruggi: in manette ladra

Salerno. Derubava i malati ricoverati al Ruggi, ladra fermata dalla Polizia. Dopo diverse segnalazioni arrivate nei giorni scorsi al responsabile […]

Video

gerardo di lucia

[VIDEO] Capaccio, veicoli e sicurezza: da Jolly Gomme convenienza e professionalità

Capaccio Paestum. Consigli per la sicurezza stradale e la cura e manutenzione dei propri veicoli, quando e come cambiare gli […]

smile gatti

[VIDEO] VdS Smile – Gatti matti

Ti piace fare scherzi ad amici, familiari e compagni di scuola? Riprendili e inviaci i tuoi video. Voce di strada […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada