APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Capaccio. Dia Salerno confisca villa a Roberto Squecco Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

affiliato allo storico clan camorristico “Marandino”, tuttora attivo a Capaccio Paestum e in altri Comuni della Piana del Sele.

squecco-roberto-1024x480

Capaccio Paestum. Nella mattinata odierna, la Sezione Operativa della Dia di Salernom capo sezione tenente colonnello Giulio Pini, ha eseguito un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Corte di Appello di Salerno nei confronti di Roberto Squecco  imprenditore pregiudicato già operante nel settore delle onoranze funebri, elemento affiliato allo storico clan camorristico “Marandino”, tuttora attivo a Capaccio Paestum e in altri Comuni della Piana del Sele.

LE MOTIVAZIONI DEL PROVVEDIMENTO

Il provvedimento odierno scaturisce dal decreto di sequestro, per la confisca, dei beni riconducibili al predetto (due società, un vasto complesso immobiliare, auto di lusso, rapporti bancari, per un valore di circa 3 milioni di euro), emesso dal Tribunale di Salerno-Sezione Misure di Prevenzione ed eseguito sempre dalla Dia il 20 marzo dello scorso anno, nei confronti di Roberto Squecco e di alcuni terzi interessati. Al riguardo, particolare significato era stato attribuito all’analisi del contenuto dalle investigazioni condotte, nel 2014, dalla Squadra Mobile della Questura di Salerno, al termine delle quali Squecco era stato tratto in arresto, unitamente ai vertici del locale clan camorristico “Marandino”, perché ritenuti organici a un’associazione di tipo mafioso dedita alle estorsioni, mediante condotte poste in essere con l’aggravante del metodo mafioso. In tale ambito, il Tribunale di Salerno aveva evidenziato significativi elementi di responsabilità a suo  carico  sia nella partecipazione alla citata consorteria di camorra, sia nel tentativo di estorsione perpetrato dal medesimo nei confronti di un imprenditore locale, anch’egli titolare di una ditta di onoranze funebri, settore particolarmente delicato in cui il clan “Marandino” aveva deciso di investire, al fine di creare una sorta di monopolio nei territori di Agropoli e Capaccio Paestum. Per la vicenda in argomento, Squecco è stato condannato in primo grado, con pena ridotta in Appello e confermata di recente in Cassazione, per il reato di associazione di tipo mafioso e tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Avverso il decreto di sequestro in argomento era stato proposto ricorso in Appello; in particolare, anche sulla scorta di mirati approfondimenti condotti dalla Dia, l’Autorità giudiziaria locale aveva evidenziato l’effettiva sussistenza, nella disponibilità del proposto e con riferimento al periodo in cui poteva essere qualificata la pericolosità sociale dello stesso, di ulteriori e significativi beni.

Al termine dell’udienza camerale, la Sezione delle Misure di Prevenzione della Corte di Appello di Salerno ha emesso il provvedimento patrimoniale odierno, con cui ha disposto il sequestro della villa appartenente a Roberto Squecco e ubicata nel Comune di Capaccio Paestum, per un valore di circa 800.000 euro. Con lo stesso provvedimento è stata anche disposta la restituzione alla coniuge delle partecipazioni societarie nella ditta di onoranze funebri con sede a Capaccio Paestum, nonché all’imprenditore del capitale sociale della Onlus a lui riferibile, operante nel settore dei servizi di trasporto mediante ambulanza con sede legale ad Agropoli. Al termine delle operazioni, tutti i beni sottoposti a confisca sono stati messi nella disponibilità dell’amministratore giudiziario, nominato dall’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata.

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Capaccio

testa in travertino

Paestum, scoperta testa in travertino: risale alla fase più antica della città

Capaccio Paestum. “Raro in genere, unico per Paestum” – definisce così il direttore Gabriel Zuchtriegel la scoperta di una testa […]

ABUSI-SU-MINORI

Capaccio, presunti abusi sul nipotino di 6 anni: nei guai nonno

Capaccio Paestum. Presunti abusi sessuali sul nipotino: a finire nei guai è il nonno. I fatti, come riferisce Il Mattino, […]

Cronaca

rogo battipaglia

Emergenza ambientale Battipaglia: convocato tavolo al Ministero

Convocato, per giovedì 26 ottobre alle 16 presso la sala stampa del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e […]

giovanni capozzoli

Albanella.La comunità piange Giovanni Capozzoli

Albanella. “Meravigliamoci ogni giorno, perché ogni giorno è meraviglioso…”, è stato questo l’ultimo messaggio che Giovanni Capozzoli ha postato sulla […]

Webp.net-gifmaker-4

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada