APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Capaccio, causa di lavoro: Consorzio dovrà pagare 60mila euro Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

Consorzio

Il Consorzio di bonifica sinistra Sele di Paestum condannato al pagamento di circa 60.000 euro per una causa di lavoro. La vicenda vede protagonista Antonio C. ingegnere di Albanella che ha lavorato, come consulente tecnico presso l’ente consortile, dal 1994 al 2010. Il professionista ha avuto l’incarico di tecnico responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia di valutazione tep degli impianti a servizio del Consorzio. Antonio C. è assistito dai legali Antonietta Orlando e Antonio Rizzo. La vicenda ha inizio nel 1994 quando all’ingegnere, attraverso una delibera di giunta, viene affidato l’incarico stabilendo anche il compenso per il lavoro svolto. << Nonostante il lavoro svolto – spiega l’avvocato Orlandoil nostro assistito non ha mai percepito nessun compenso. Una situazione andata avanti per ben 17 anni. Ogni volta che presentava una parcella puntualmente non veniva pagata>>. Nel 2010 il Consorzio di bonifica sinistra Sele ha revocato l’incarico. Il professionista ha proceduto con una richiesta del saldo per il lavoro svolto presso l’ente dal 1994. Dopo vari tentativi per trovare un possibile accordo il tecnico ha deciso di dare mandato agli avvocati di procedere con una causa di lavoro presso il tribunale di Salerno. << Ho cercato in varie occasioni prima di iniziare un contenzioso – spiega Orlandodi addivenire ad un accordo transattivo recandomi presso il Consorzio di bonifica. Purtroppo tutti i tentativi non hanno avuto l’esito sperato e si sono conclusi con un nulla di fatto. La somma, con la quale l’ente avrebbe voluto liquidare il nostro assistito, era davvero irrisoria e molto bassa rispetto all’effettiva attività lavorativa svolta>>.  Dopo la revoca dell’incarico il tecnico ha presentato una parcella complessiva per il lavoro svolto, vidimata e approvata dall’Ordine degli ingegneri che l’hanno giudicata congrua,  di circa 56.000. Nel marzo del 2011 i legali del tecnico, dopo diversi inviti bonari a saldare la parcella, hanno presentato il ricorso presso la sezione lavoro del tribunale di Salerno. Qualche giorno fa la sentenza che ha condannato il Consorzio di bonifica al pagamento di circa sessantamila euro. La sentenza è immediatamente esecutiva. L’ente quindi dovrà provvedere al pagamento della somma riconosciuta al tecnico.

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

banner-mutuo-220x180

Cronaca

tentata truffa omnes

Capaccio. Soldi per torneo di calcio, Vitolo: “Non ci cascate è una truffa”

Capaccio Paestum.  Utilizzano il nome dell’associazione “Omnes simul” per recuperare denaro per un fantomatico torneo di calcio. A lanciare l’allarme […]

rifiuti

Battipaglia, sversa rifiuti in terreno: filmato e multato

Battipaglia. Continua la caccia ai cafoni sul territorio di Battipaglia. Beccato l’ennesimo inquinatore, immortalato in un video mentre era intento […]

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada