APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Camerota, trovato morto in spiaggia e con l’orecchio tranciato Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

nunzio rizzuti

Camerota. L’ha trovato un collega di lavoro, privo di vita, tra gli ombrelloni di uno stabilimento balneare. Riverso nella sabbia e con un orecchio tranciato. Tragica fine per Nunzio Rizzuti, 58 anni, guardiano di notte in alcune strutture turistiche sulla spiaggia Capogrosso di Marina di Camerota.

Il malcapitato, originario della frazione Licusati, sarebbe deceduto a seguito di un infarto cardiaco fulminante. Poi, una volta caduto sulla sabbia, il corpo esanime sarebbe stato aggredito da una volpe. Questa almeno per il momento l’ipotesi più accreditata dai carabinieri che hanno lavorato tutta la notte per ricostruire l’esatta dinamica della tragedia. I soccorsi sono scattati pochi minuti dopo le 24, a seguito della telefonata di un collega di lavoro. Sul posto sono arrivati immediatamente i sanitari del 118, i carabinieri della locale stazione diretti dal luogotenente Massimo Di Franco e i vigili del fuoco che hanno illuminato la zona. L’intera area è stata transennata ed ispezionata palmo a palmo. Sul posto anche i carabinieri del Nucleo operativo di Sapri ed il capitano Michele Zitiello. Poi, su ordine dell’autorità giudiziaria, è arrivato sul luogo della tragedia anche il medico legale Adamo Maiese che ha effettuato un primo esame cadaverico esterno. L’uomo sarebbe deceduto intorno alle 21. 30 di domenica e si tratterebbe, almeno secondo i primi responsi, di una morte naturale, causata da un infarto cardiaco. Sul corpo, infatti, non è stato rinvenuto alcun segno di violenza. Il 58enne, colpito dal malore, avrebbe tentato di sedersi su una sdraio ma, nell’accasciarsi, sarebbe finito sulla sabbia. Tra le mani aveva ancora il retino utilizzato per pulire la spiaggia ed una busta per la spazzatura. Il procuratore Paolo Itri del tribunale di Vallo della Lucania, ha aperto un’inchiesta e ha chiesto il trasferimento della salma presso la camera mortuaria dell’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Poi ieri pomeriggio, dopo gli accertamenti di rito, ha disposto la restituzione della salma ai familiari. Nunzio era una persona benvoluta da tutti, soprattutto dai giovani. Da alcuni anni era anche volontario dell’associazione di protezione civile “Cilento Emergenza”. I funerali saranno celebrati questa mattina a Licusati, alle ore 11.30, nella chiesa di San Marco Evangelista. Sotto shock l’intera comunità. (v.r. – La Città)

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Cronaca

santobono-2-11

Eboli, investita accidentalmente dalla madre: bimba torna a casa

Eboli. E’ finalmente tornata a casa la piccola di due anni investita accidentalmente dalla madre 40 giorni fa. La bambina […]

abusi

Montecorvino, molesta minorenne: arrestato operaio

Montecorvino Rovella. Operaio arrestato dai carabinieri per violenza sessuale aggravata nei confronti di una ragazza minorenne, e atti persecutori. L’ordinanza […]

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

ristorante-la-Pignata-banner

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

BANNER-FARMACIA-PIANTE-WEB

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada